The Glenlivet - Il single malt che ha dato il via a tutto

Glenlivet

La sua storia è leggendaria; le sue leggende sono vere e il notevole lignaggio dei Glenlivet ha plasmato i paesaggi della Scozia e creato quelli che oggi sono conosciuti come Whisky le isole più apprezzate.

SommarioEspandereCrollo
  1. Glenlivet
  2. L'illustre storia del Glenlivet
  3. La Valle del Livet
  4. Il processo di produzione
  5. I whisky Glenlivet
  6. Conclusione

Il Glenlivet 12 è stato uno dei primi whisky che abbia mai provato, secondo solo a The Balvenie. Come il single malt più popolare al mondo scotch , Il Glenlivet è spesso il whisky predominante venduto nei ristoranti e nei bar di gran parte del Nord America e del resto del mondo. In genere, se un ristorante o un bar ha solo due bottiglie di whisky, una sarà The Glenlivet 12 e l'altra Glenfiddich o qualcos'altro.

L'articolo di oggi è tutto su Glenlivet. Se sei nuovo di Scotch, ti consiglio di leggere il Scotch 101 Guida per principianti primo, seguito dal Guida al whisky scozzese .

Glenlivet

Con quindici alambicchi di rame, The Glenlivet produce l'incredibile cifra di sei milioni di bottiglie di whisky ogni anno, battendo i record per la più grande produzione di whisky al mondo.

George Smith del Glenlivet

George Smith del Glenlivet

L'illustre storia del Glenlivet

Come un pezzo storico o un'uscita teatrale epica, la storia di The Glenlivet è ricca di ogni sfaccettatura che si cerca in una storia divertente. Prima dell'Excise Act del 1823, le distillerie in tutta la Scozia erano per lo più illegali fino all'approvazione dell'Excise Act che consentiva la formazione di distillerie legali a condizione che possedessero la licenza richiesta. Un precursore dell'atto fu uno scozzese di nome Alexander Gordon, il quarto duca di Gordon, che aveva un inquilino di nome George Smith, che produceva whisky illegale fino all'inizio dell'atto. Una volta approvata la legislazione, Smith divenne la prima persona a Glenlivet, in Scozia, a richiedere e ottenere una licenza che gli consentisse di aprire legalmente un negozio.

È così che è nato The Glenlivet, ma non è stato senza la sua giusta dose di polemiche. Poiché la maggior parte dei produttori di whisky all'epoca operava ancora illegalmente, nutrivano risentimento nei confronti di Smith poiché il supporto della nuova legge significava che sarebbe stato molto più difficile abrogarla. Furono mosse minacce contro Smith e il suo padrone di casa gli diede due pistole per difendere se stesso e la distilleria dai tiranni. Ci riuscì e nel giro di un anno aprì The Glenlivet Distillery a Upper Drumin con il figlio più giovane, John Gordon Smith.

Il logo Glenlivet

Il logo Glenlivet

Gli affari esplosero e verso la metà del secolo Smith stava andando oltre la piena capacità e dovette aprire una seconda distilleria che chiamò Cairngorm-Delnabo Distillery. Nonostante il raddoppio della produzione, nel giro di cinque anni entrambe le distillerie erano a pieno regime e avevano difficoltà a soddisfare le richieste. Rendendosi conto delle spese per la gestione di due distillerie separate, Smith assunse un architetto per redigere piani per una struttura all'avanguardia che era molto più grande, ma offriva comunque spazio in cui crescere. Senza spazio in nessuna delle strutture, si spostarono giù per la collina fino a Minmore e la costruzione iniziò dopo che un incendio squarciò la vecchia distilleria Upper Drumin nel 1858. Come alternativa per risparmiare sui costi, recuperarono quanta più attrezzatura possibile dalla distilleria bruciata. La distilleria Delnabo è stata successivamente chiusa e tutte le attrezzature sono state trasferite nel nuovo stabilimento di Minmore. Nel 1859 iniziò la produzione nella nuova distilleria e il nome dell'azienda fu cambiato in George & J.G. Smith, Ltd.

John rileva e difende il marchio

Dopo la morte di George Smith nel 1871, suo figlio John ereditò la distilleria. Poiché il senior Smith era un nome così importante e la qualità del loro whisky era così esemplare, molti dei concorrenti locali iniziarono a rinominare i loro prodotti, etichettandoli come Glenlivet. Questo fece infuriare J.G. Smith e lui hanno intrapreso un'azione immediata per rivendicare la proprietà del nome Glenlivet in tribunale. Nonostante abbia avuto solo un discreto successo, il verdetto ha costretto le altre distillerie a cessare l'uso del nome e ha concesso a Smith i diritti unici ed esclusivi di usarlo come marchio. Tuttavia, stabiliva anche che altre distillerie nella regione di Glenlivet potessero continuare a usare il termine Glenlivet in un nome con trattino come la Glen Moray-Glenlivet Distillery con sede nello Speyside.

Fermata della produzione durante la seconda guerra mondiale

Nonostante questa scappatoia legale, The Glenlivet è riuscita comunque a differenziarsi con successo dai suoi concorrenti ed è stata persino in grado di rimanere in attività durante la Grande Depressione, che ha visto molte distillerie chiudere i battenti. Infatti, a differenza di molte distillerie, l'unico intoppo produttivo si ebbe durante la seconda guerra mondiale quando la distilleria fu costretta a cessare l'attività per decreto del Governo.

Tuttavia, dopo la guerra, la Gran Bretagna aveva un debito così massiccio che la distilleria fu in grado di riaprire quasi immediatamente gli affari poiché avevano bisogno di esportare quante più merci possibili per ottenere entrate estere dagli Stati Uniti d'America e da altri paesi dal quattro angoli del globo. Poiché il whisky era così richiesto all'estero, The Glenlivet si è rivelato un successo quasi immediato, riportandolo ai livelli precedenti di piena capacità. Le restrizioni imposte alle distillerie iniziarono ad essere revocate e, quando le risorse si esaurirono, il governo impose il razionamento del pane in tutto il Regno Unito per garantire che il Glenlivet avesse abbastanza grano per produrre i suoi whisky.

Invecchiamento in botti vecchie

Invecchiamento in botti vecchie

Apertura reale di Glenlivet

Il principe Carlo visita la distilleria Glenlivet.

Poiché la distilleria The Glenlivet ha continuato a crescere rapidamente, ha completato una serie di fusioni e acquisizioni strategiche per assicurarsi un posto ai vertici del settore. Sebbene non sia cambiato molto nel corso degli anni rispetto al processo produttivo, l'azienda è passata nelle mani di diverse società madri prima di essere acquisita da Seagrams da Pernod Ricard e Diageo. Come parte di tale acquisizione, The Glenlivet è stata separata dalla sua controllata di lunga data Glen Grant Distillers e diventata una consociata interamente controllata da Pernod Ricard con Glen Grant che è stata ulteriormente venduta al Gruppo Campari nel 2005.

Nonostante il commercio apparentemente in corso dell'azienda, The Glenlivet rimane il secondo whisky single malt più venduto al mondo in testa negli Stati Uniti e detiene il quarto posto nel Regno Unito con una quota di mercato di circa il 7%.

La distilleria Glenlivet

La distilleria Glenlivet

L

L'ingresso della distilleria Glenlivet

La Valle del Livet

Il Glenlivet, approssimativamente tradotto dal gaelico, significa 'Valle del Livet'. È particolarmente noto per il suo gusto e il suo finale eccezionalmente morbidi ed è comunemente considerato un drink perfetto per il bevitore alle prime armi.

Il gusto morbido dei whisky The Glenlivet è dovuto in gran parte in parte al processo di distillazione e maturazione. La distilleria utilizza grandi alambicchi di rame che ricordano delle lanterne. Sono stati originariamente sviluppati da George Smith e sono ancora progettati allo stesso modo oggi. A causa della larghezza dei colli, il whisky riceve il massimo contatto con il rame e l'incredibile altezza dell'alambicco assicura che solo il vapore più leggero raggiunga la cima dove si raffredda, condensa e diventa l'inizio di ciò che ci godiamo dalla bottiglia.

Naturalmente, un'altra grande parte del profilo aromatico morbido è l'acqua che proviene dal famoso Josie's Well, in grado di produrre 3500 galloni di acqua pura e fredda ogni ora. Integrata dal Blairfindy Well, la purezza della fonte d'acqua mescolata con l'orzo di Crisp Maltings a Portgordon aiuta a garantire un gusto costantemente morbido da una bottiglia all'altra.

I quindici alambicchi di rame nell'ampia distilleria riescono a produrre alcuni dei migliori imbottigliamenti di scotch che piacciono a gran parte del mondo.

Il Glenlivet Uno spirito di scoperta

Il Glenlivet Uno spirito di scoperta

Il processo di produzione

Sorprendente per molti, è che le fasi iniziali della produzione di The Glenlivet si svolgono all'esterno della distilleria, dove i mastri maltificatori immergono l'orzo selezionato a mano nella fonte d'acqua della distilleria per un certo numero di giorni. Una volta che inizia a germogliare e iniziano a comparire i germogli, riscaldano e asciugano l'orzo senza l'uso di torba per garantire che l'aroma naturale e il profilo aromatico dell'orzo rimangano.

A questo punto, il malto essiccato viene trasportato alla distilleria dove viene fatto passare in lotti attraverso il mulino per creare il grano. La farina viene quindi introdotta nell'acqua termale in una delle tinozze di ammostamento della distilleria che utilizzano bracci meccanici che rimescolano la miscela. Quando gli amidi si convertono in zucchero, il mosto viene trasferito in un lavaggio di legno per farlo raffreddare e vi viene introdotto il lievito. Dopo due giorni, il lavaggio è solitamente di circa l'8 o il 9% di alcol. Il bucato viene versato nella pentola di rame ancora e riscaldato fino a quando l'alcol non evapora. Quando i vapori leggeri iniziano a raggiungere la sommità, si raffreddano e si condensano in un vino basso che ha una gradazione alcolica di circa il 21%.

Una botte di Glenlivet

Foto in omaggio: Colin Hampden-White. La botte di 70 anni di Glenlivet 1940 al Castello di Edimburgo l'8 marzo 2011

Il whisky viene quindi distillato una seconda volta nell'alambicco distillato. Una volta raffreddato, il liquido rimanente viene diviso equamente in tre tagli dal maestro Stillman. Le teste, che è l'ABV più alto, vengono estratte per prime, seguite dal cuore e infine dalla coda del whisky che è la più leggera. Il cuore viene inserito nel ricevitore mentre la testa e le code vengono rimescolate per creare più whisky.

Lo spirito di nuova produzione viene quindi portato a Keith dove l'ABV viene leggermente ridotto prima che il whisky venga versato in botti di rovere francese e americano appositamente selezionate. Il whisky viene lasciato maturare per un minimo di 12 anni, ma spesso fino a 25 o più. Infine, una volta invecchiato per il tempo richiesto, viene imbottigliato e venduto nei negozi dove ci viene data la possibilità di degustare un whisky single malt rimasto praticamente invariato negli ultimi 150 anni.

La gamma di whisky Glenlivet

La gamma di whisky Glenlivet

I whisky Glenlivet

Sebbene siano stati prodotti alcuni whisky a rilascio limitato e in edizione speciale, rimane una linea principale di whisky costantemente distillati da The Glenlivet.

Il Glenlivet 12 anni

Il Glenlivet 12 anni

Il Glenlivet 12 anni

Probabilmente il più iconico e probabilmente uno dei whisky più popolari al mondo, il Glenlivet 12 è uno dei single malt più venduti nel corso della storia. È stato il secondo whisky che ho provato poco più di un decennio fa e conserva ancora un posto speciale nel mio bar di casa. Tuttavia, non è più per me.

Il Glenlivet 12 è paragonabile a un prodotto simileBudweisero un vino di Charles Shaw. Sebbene popolare, non è un whisky che la maggior parte degli appassionati brama. È essenziale, è mediocre e manca di qualcosa che nel mondo del whisky chiamiamo buono. È un drink perfetto per le masse e un ottimo antipasto per i principianti, ma se ti piace davvero il meglio che il whisky ha da offrire, questo è un drink che vale la pena lasciare sullo scaffale. Ho detto che aveva un posto speciale nel mio bar, ed è vero. È pensato per coloro che non apprezzano i drammi più raffinati o per qualcuno che forse non ha mai avuto l'opportunità di provare un bicchierino di scotch prima. Se sei nuovo nel mondo del whisky, clicca qui per imparare le basi.

La riserva di quercia francese di Glenlivet di 15 anni

Il Glenlivet 15 è un whisky leggermente più accattivante e seducente con un po' più di spezie rispetto al suo fratello minore ma con una cremosità distinta che si ottiene invecchiandolo in botti di Limousin. È un whisky molto 'sicuro' ed è stato imitato da molte altre distillerie di whisky poiché è un dram così vendibile e facilmente commercializzabile. È solo leggermente più intenso dell'anno 12, ma il suo profilo aromatico è molto più distinto e piacevole per coloro che apprezzano un dram più fine.

Il Glenlivet Natural 16 anni

Imbottigliato a forza di botte, il Nàdurra è un imbottigliamento molto più audace e stimolante di The Glenlivet. Leggermente più tradizionale con l'eliminazione della filtrazione a freddo, il Nàdurra è significativamente più ricco con una sensazione in bocca piena e forti note di pepe e spezie con un incantevole sentore di bacca di vaniglia e cannella. È importante notare che per coloro che non hanno familiarità con la filtrazione a freddo, questa particolare bottiglia può apparire torbida a causa della presenza di oli più naturali dai chicchi.

Il Glenlivet 18 è un ottimo punto di partenza

Il Glenlivet 18 è un ottimo punto di partenza

Il Glenlivet 18 anni

Uno dei vantaggi di essere il Master Distiller di Glenlivet è che Alan Winchester può scegliere da una delle più grandi collezioni di botti per l'invecchiamento dei suoi whisky. Il 18 Year è una perfetta dimostrazione di ciò che The Glenlivet è in grado di ottenere in meno di 20 anni . È ricco e complesso con un corpo medio e un finale insolitamente lungo che è nocciolato con note mozzafiato di fiori freschi, frutta tropicale e nocciolo di mare. Utilizzando sia botti americane che francesi, Winchester è riuscita a ottenere un profilo aromatico unico con note variabili di vaniglia cremosa e spezie persistenti. Per quanto riguarda i whisky The Glenlivet, questo è un buon punto di partenza per coloro che apprezzano il dram.

L'archivio Glenlivet 21 anni

Il Glenlivet afferma che i suoi imbottigliamenti per 21 anni sono su misura. Che sia vero o no, il fatto è che i profili aromatici variano considerevolmente a seconda della bottiglia. Realizzata in piccoli lotti, ogni botte viene selezionata, annusa e approvata a mano da Alan Winchester, e solo le botti migliori vengono selezionate per questo imbottigliamento d'archivio. Nonostante ogni lotto abbia un profilo diverso, suonano tutti nello stesso carattere ricco e intenso per cui è noto il 21° anno. È un po' una scommessa con questa bottiglia in particolare, ma se sei un giocatore di poker come me il rischio potrebbe valere la pena.

Il Glenlivet XXV 25 anni

Età a parte, questo è il mio imbottigliamento preferito di The Glenlivet e uno che merita la tua considerazione. Alla fine, anche coloro che giudicano i whisky più giovani di The Glenlivet apprezzeranno probabilmente la complessità e i sapori di questo dram davvero interessante e, quasi/forse/vicino all'eccezionale.

Pieno di nocciola e spezie, il whisky viene invecchiato in botti di Sherry Oloroso che gli conferiscono una sensazione in bocca seducente e setosa e un sapore corposo. È un whisky bellissimo e potresti prendere in considerazione l'idea di avere nella tua collezione per coloro che non credono che The Glenlivet possa fare un whisky degno di premi per i veri appassionati.

Conclusione

Il Glenlivet non è mai stato e probabilmente non sarà mai uno dei miei distillatori preferiti al mondo, per non parlare della Scozia. Tuttavia, il fatto è che è uno dei più popolari. Ora, siamo chiari, non nutro in alcun modo alcun risentimento per i loro drammi e, in effetti, mi sono goduto un drammi del loro 12° anno proprio la scorsa settimana. Tuttavia, non è la mia prima scelta quando si tratta di selezionare un whisky per me stesso, ma è quasi sempre nella lista dei primi 5 quando ne suggerisco uno per un principiante. È un'ottima introduzione allo scozzese e non ha l'asprezza di cui parlano così tante persone quando si riferiscono a whisky come Lagavulin of Laphroaig. Se stai cercando un drink di base da tenere nel tuo bar per gli ospiti, prova l'anno 15 o 18. Per i neofiti considera il 12 e per te prova il 25. Ti prometto che non rimarrai deluso se segui questo consiglio e per il prezzo, non puoi sbagliare.