The Albini Group – Tessuto per camicie di qualità per gentiluomini

Gruppo Albini

Ogni volta che hai un'alta qualitàcamiciarealizzato da un produttore di camicie su misura o da un produttore MTM, è probabile che tu scelga tratessutidal Gruppo Albini , Che consiste di Cotonificio Albini, Tommaso Massone , David & John Anderson e Albiate 1830 .

SommarioEspandereCrollo
  1. Storia Albini
  2. Albini oggi
  3. Come è fatto il tessuto per camicie
  4. Riepilogo video:
Gruppo Albini

Storia Albini

Originariamente, l'azienda è stata fondata a Desenzano sul Serio vicino a Bergamo, in Italia, nel 1876 da Zaffiro Borgomanero . Inizialmente, l'azienda è stata nominata Z. Borgomanero & C , e dopo appena un anno di attività, Zaffiro aveva già acquisito 40 telai meccanici gestiti da 44 dipendenti. Otto anni dopo ricevettero la medaglia di bronzo all'Esposizione Industriale di Torino. Nel 1890 il proprietario senza figli decide di passare l'azienda al nipote Giovanni Albini . A quel punto, l'operazione di tessitura era cresciuta fino a comprendere 107 telai e 90 dipendenti. In qualità di capo della Camera di Commercio di Bergamo, Giovanni Albini acquistò sempre più importanza nell'area. Poco dopo la prima guerra mondiale, l'azienda si sciolse e passò ai figli di Giovanni, Riccardo e Silvio. Quest'ultimo ha cambiato la sua parte dell'attività in nome Società Dott. Silvio Albini & C. Non si sa cosa sia successo all'altra metà dell'azienda. Durante la crisi economica degli anni '30 e la seconda guerra mondiale, Albini riuscì a rimanere a galla e rimase sotto il controllo della famiglia. Nel 1968, la quarta generazione di Albini – Gianni, Giancarlo e Marino – è alla guida dell'azienda. Nel 1984 Silvio Albini diventa responsabile dell'attività e sotto la sua guida l'azienda si espande rapidamente nei mercati esteri. di Silvio

le nuove iniziative si sono rivelate di grande successo e nel 1991 Albini ha considerato un'acquisizione dei produttori britannici di tessuti per camicie Thomas Mason e David & John Anderson. L'accordo è andato a buon fine nel 1992 e i due marchi vengono aggiunti al Gruppo Albini portafoglio. Nel 2000, Albini ha continuato la sua corsa alle acquisizioni subentrando Albiate 1830 Milano . Negli anni successivi entrano a far parte del gruppo anche stabilimenti di finitura fuori sede aziendale, come Manifattura di Albiate che ha due stabilimenti in Repubblica Ceca e uno in Italia. Di recente è stato aggiunto un centro logistico, che consente all'azienda di offrire più di 20.000 tessuti!

Albini oggi

Con una gamma così impressionante di tessuti per camiceria, Albini è diventata un attore importante per i tessuti per camiceria in tutti e tre i principali mercati: su misura di fascia alta, su misura e prêt-à-porter. Zegna e J.Crew fanno realizzare lì alcuni dei loro tessuti per camicie, insieme a numerose altre attività di varie dimensioni e qualità. L'attuale linea di prodotti comprende un'ampia gamma di qualità a partire da tessuti sportivi, casual e denim, ai tessuti di alta qualità di ispirazione britannica delle linee Thomas Mason, Silverline, Goldine e stagionali, fino ai tessuti più costosi che sono prodotti sotto l'etichetta David & John Anderson. Inoltre, offrono internamente anche servizi RTW, MTM e camicie su misura.

Una delle cose che rende Albini così vincente è la loro strategia di integrazione verticale ben gestita. Hanno eliminato gli intermediari controllando tutti gli elementi importanti dell'attività, compreso tutto, dalla coltivazione del cotone alla creazione del filo, alla tessitura, alla tintura, al restringimento, alla distribuzione e ora anche alla produzione di camicie. Inoltre, sono stati in grado di acquisire più di 700 campionari storici da Thomas Mason e D&JA, consentendo loro di creare design nuovi ma storicamente influenzati. Abbinato a macchinari all'avanguardia, probabilmente non c'è nulla al mondo del tessuto per camiceria che Albini sarebbe incapace di produrre.

Personalmente possiedo diversi Albini tessuti invernali ed estivi e finora si sono comportati tutti molto bene.

Di seguito, puoi guardare un video interessante che mostra come viene acquistato, prodotto e venduto il tessuto Albini:

Come è fatto il tessuto per camicie

Riepilogo video:

In primo luogo, si inizia con la produzione di un filato, introducendo i macchinari e sottolineando l'importanza delle materie prime e delle strutture di prova, perché ogni filato è diverso. Solo dopo aver verificato che il filato sia sufficientemente consistente, viene testato per resistenza, torsione ed elasticità, per garantire un processo di tessitura regolare. Il prossimo in linea è il colore e il test del colore. Successivamente viene spiegato come viene preparato ed eseguito il processo di tessitura.

Il prossimo è il processo di rifinitura: prima il tessuto subisce la gassificazione, nota anche come bruciatura, che è un processo che produce una superficie uniforme bruciando le fibre in eccesso e la peluria. Questo risultato si ottiene facendo scorrere il tessuto ad alta velocità su una fiamma di gas consentendo al materiale indesiderato di bruciarsi senza bruciare o bruciare il tessuto.

Per le successive 36 h, il tessuto viene espulso e tenuto in candeggina a freddo. La successiva decolorazione a caldo rimuove le impurità e riporta i colori al tono originale.

Una volta completato questo passaggio, i tessuti vengono mercerizzati. La mercerizzazione prende il nome dal suo inventore John Mercer e conferisce al tessuto una bella lucentezza e più forza alterando la struttura chimica del cotone. Fondamentalmente, questo trattamento fa gonfiare la parete cellulare della fibra di cotone, creando una superficie più ampia e quindi una migliore riflettanza e una sensazione più morbida. Per migliorare questo effetto, il tessuto di cotone viene spesso immerso in una soluzione di idrossido di sodio e successivamente neutralizzato in un bagno acido. Questo processo aumenta ancora di più i riflessi e la lucentezza, soprattutto sul cotone a fiocco lungo.

Una volta tinto per 48 ore, il tessuto è pronto per le lavorazioni finali di rifinitura. Qui il tessuto viene ammorbidito e ravvivato in una macchina speciale prima di essere sottoposto a calandratura, un'applicazione meccanica di pressione che rende il tessuto più morbido.

Durante la sanforizzazione la trama viene compattata e l'ordito stabilizzato. I tessuti sanforizzati sono desiderabili perché idealmente impediscono a qualsiasi restringimento di lavarsi in seguito.

Per ottenere effetti speciali come l'effetto pelle pesca slavato, alcuni tessuti vengono poi carteggiati, ammorbiditi o trattati in diversi modi.

Infine, il tessuto viene sottoposto ancora una volta al controllo di qualità, visivamente e in laboratorio. Una volta superati tutti i passaggi, i tessuti vengono imballati e stoccati nel centro logistico di Albini da dove vengono consegnati in tutto il mondo.

I tre video seguenti sono un po' più dettagliati di quello precedente ma contengono molte delle stesse sequenze.