Storia dell'abito: l'evoluzione dell'abbigliamento maschile dal 1800 ad oggi

storia della tuta in scala 3840x2160

Anche se molti elementi dell'abito come lo conosciamo oggi sono rimasti invariati sin dal suo inizio, ci sono sicuramente differenze nei dettagli di un abito del 2020 rispetto a un abito degli anni '80 o '40. Per comprendere queste differenze, ripercorriamo la storia della tuta, dalle origini fino all'era moderna.

SommarioEspandereCrollo
  1. Che cos'è esattamente un vestito?
  2. Beau Brummell e la Rivoluzione francese
  3. L'era vittoriana
  4. Il 20° secolo
  5. L'era edoardiana (anni '10)
  6. I ruggenti anni '20
  7. L'età d'oro dell'abbigliamento maschile classico (anni '30)
  8. Gli anni '40
  9. Gli anni '50
  10. Gli anni '60
  11. Gli anni '70
  12. Gli anni '80
  13. Gli anni '90
  14. Il nuovo millennio
  15. Gli anni 2000
  16. Gli anni 2010
  17. Conclusione: l'abito oggi
  18. Riepilogo degli abiti

Che cos'è esattamente un vestito?

Il termine seme deriva dal termine francese Seguire. che significa seguire. In altre parole, la giacca segue i pantaloni o viceversa. Quindi, un abito è una combinazione di una giacca e un paio di pantaloni in un tessuto abbinato. Non è solo il colore dei capi ad essere lo stesso, ma anche la composizione del tessuto.

Sven Raphael Schneider in abito a tre pezzi con gilet doppiopetto

Sven Raphael Schneider indossa una giacca da abito con i suoi partner naturali: gilet e pantaloni dello stesso tessuto

Beau Brummell e la Rivoluzione francese

Come molti aspetti dell'abbigliamento maschile classico, anche le origini dell'abito possono essere fatte risalire Beau Brummell . Era il prototipo del gentiluomo nell'Inghilterra del XIX secolo. Prima di Beau Brummell, l'abbigliamento maschile è stato fortemente influenzato dalla corte francese e si è evoluto attorno a un pesante ricamotessuticome velluto, calzoni al ginocchio e calze. Beau Brummell ha sostituito tutto questo con pantaloni lunghi indossati con stivali e un cappotto che non aveva molti ornamenti o colori.

Beau Brummell

Una interpretazione di Beau Brummell nel suo tipico abbigliamento diurno.

Francamente, Brummell potrebbe non essere stato il primo a semplificare il classico guardaroba maschile francese, perché a quel punto l'abito più tradizionale era già diventato impopolare. L'abbigliamento maschile francese era associato negativamente alla Rivoluzione francese e le persone che lo indossavano a volte venivano decapitate dalla ghigliottina. Tuttavia, Beau Brummell ha decisamente reso popolare il nuovo stile meno ornamentale.Mentre la parte superiore e inferiore degli abiti di Beau Brummell non corrispondevano esattamente, l'intera silhouette e la combinazione di colori più tenui hanno gettato le basi per il moderno completo da uomo , come lo conosciamo oggi.

L'era vittoriana

La redingote

All'inizio dell'era vittoriana (che durò dal 1837 al 1901), il primo e più importante indumento che un uomo indossava era una redingote. Era fondamentalmente un cappotto nero che ricorda il moderno cappotti . Aveva un unico spacco nella parte posteriore ed era mono o doppiopetto. In termini di lunghezza arrivava fino alle ginocchia; ecco perché assomiglia a un soprabito. Mentre la versione monopetto di una redingote era più comune, la versione doppiopetto era più formale (ed era anche conosciuta come il Principe Alberto).

Uomini

Abbigliamento maschile nella redingote degli anni '20, spalle sottili e pantaloni stretti

Più tardi in epoca vittoriana, la redingote si è sostanzialmente divisa in due elementi diversi. Da un lato avevamo il cappotto mattutino che teneva le code; d'altra parte, avevamo il tailleur che li ha persi. Mentre il abito da mattina manteneva la lunghezza, ora aveva quarti aperti piuttosto che i quarti chiusi di una redingote, spesso aveva un solo bottone e non era più doppiopetto.

A quel tempo, divenne l'opzione numero uno per l'abbigliamento da giorno formale, ma nel mondo di oggi è ancora più formale e in genere viene indossato solo a Matrimoni Reali o matrimoni dell'alta società. In Inghilterra, potresti ancora vedere l'uomo comune indossare un cappotto da mattina per il suo matrimonio, ma negli Stati Uniti e fuori Inghilterra , in genere viene fatto solo in ambienti molto determinati, da persone che apprezzano davvero l'abbigliamento maschile classico o perché hanno un certo status nella società.

SRS con un cappotto da mattina

SRS con un cappotto da mattina

Mentre redingote e cappotti da mattina potevano tecnicamente essere indossati con un paio di pantaloni abbinati, più spesso venivano indossati con pantaloni a contrasto. Ancora in una combinazione di colori più scuri, ma non erano fatti di tessuto abbinato. D'altra parte, il tailleur è composto da una parte superiore e inferiore del tessuto abbinato. Per questo motivo, l'abito da salotto era anche conosciuto colloquialmente come idem.

L'abito da salotto

Il vestito da salotto è stato originariamente sviluppato tra il 1850 e il 1860 in Scozia. Era realizzato in tessuto più pesante ed era pensato per essere un indumento per occasioni casual all'aperto. Al giorno d'oggi, nella mente della maggior parte delle persone, un abito è un indumento molto formale, ma durante l'era vittoriana era il contrario. Era un indumento casual che non doveva essere affatto formale.

L

L'abito da salotto

In particolare, l'aspetto abbinato di pantaloni e pantaloni lo rendeva meno formale, perché redingote e cappotti da mattina erano indossati con pantaloni in qualche modo contrastanti. Un'altra differenza era ovviamente la lunghezza. Era un cappotto molto più corto senza il code ed era tagliato più a sacco senza pronunciate pinces frontali.

Come suggerisce il nome, l'abito da salotto era principalmente un indumento per il salotto casual, qualcosa in cui sentirsi a proprio agio, specialmente nelBritannicocampagna. Naturalmente, all'epoca, il riscaldamento centralizzato non era la norma, quindi gli abiti venivano sempre indossati con un gilet o un gilet abbinato, quindi si aveva sempre un abito a tre pezzi.

Il 20° secolo

All'inizio del 20° secolo, l'abito, come lo conosciamo oggi, è stato praticamente sviluppato. Da quel momento in poi la forma è stata definita, sono stati solo i dettagli a cambiare. Potrebbe essere la larghezza del bavero, la lunghezza della giacca, il punto di abbottonatura, l'altezza del capo gola , il tipo di tessuto utilizzato e così via. Nel complesso, era solo un adattamento a un modello esistente.

Un piatto alla moda di New York (1899), raffigurante una redingote, un cappotto da mattina e un abito da salotto, da indossare finché il sole è fuori.

Un piatto di moda di New York (1899), raffigurante una redingote, un cappotto da mattina e un abito da salotto, da indossare finché c'è il sole.

L'era edoardiana (anni '10)

Nel primo decennio del1900, noto anche come epoca edoardiana, l'abito da salotto persistette. È diventato sempre più popolare. Le redingote e i cappotti da mattina più formali erano ancora in circolazione, ma erano tipicamente indossati da uomini più anziani e persero terreno molto rapidamente.

Se hai mai avuto la possibilità di toccare un abito dell'era edoardiana, noterai che iltessutoè estremamente pesante e grossolano. Da un lato, la finitura del tessuto non era così raffinata come lo è oggi, e dall'altro, era piuttosto costosa. Anche in questo caso, non c'era il riscaldamento centralizzato e per questo motivo gli abiti dovevano essere indossati all'interno. Molte famiglie erano ancora riscaldate con il carbone e le città erano generalmente un posto sporco e fuligginoso dove stare. Per questo motivo, l'abito da città era tipicamente realizzato con un tessuto di colore più scuro.

Downton Abbey ha riportato alla ribalta le riprese

Downton Abbey ha riportato alla ribalta le riprese

Il rovescio della medaglia, tute di campagna in genere aveva più motivi e tonalità marroni. Ad esempio, se guardi i primi episodi di Abbazia di Downton oggi puoi vedere la tendenza secondo cui gli abiti country sono meno formali e più colorati rispetto ai loro omologhi da città.

I ruggenti anni '20

Gli anni '20 furono un decennio entusiasmante per l'abito che passò da super sottile a più pieno verso la fine. Subito dopo la prima guerra mondiale, la tuta aveva un forte militare influenza. La giacca era tagliata, forse leggermente più lunga in un punto di abbottonatura più alto, e i pantaloni erano piuttosto attillati polsini e relativamente breve. Tuttavia, alla fine del decennio, gli abiti alla moda avevano già il precursore dell'abito drappeggiato, il che significava che c'era più tessuto sul petto e anche i pantaloni erano tagliati un po' più larghi. Il drappo e l'abito drappeggiato sono diventati davvero popolari nell'Inghilterra degli anni '30 negli Stati Uniti.

Negli anni '20 i pantaloni avevano tutti una vita molto alta soprattutto rispetto ai pantaloni di oggi. Tutte le giacche sono state tagliate abbastanza strette verso l'inizio degli anni '20, verso la fine erano diventate più larghe nella spalla con un po' più di soppressione della vita e, in combinazione con i pantaloni a vita alta, uno ha creato un illusione visiva di gambe più lunghe e un girovita pronunciato.

Abiti anni

Abiti anni '20

Mentre le gambe dei pantaloni inizialmente toccavano il calzino, alla fine del decennio gli abiti più alla moda avevano un'apertura di 11,5 pollici. Tuttavia, non era un taglio svasato, era un taglio dritto e talvolta anche un taglio affusolato, quindi c'era molto spazio nei tuoi pantaloni. Se vuoi avere un'idea migliore di questo stile in azione, potresti voler guardare la serieJeeves e Wooster.

Jeeves e Wooster

Jeeves e Wooster

Perché erano i ruggenti anni '20, che è anche conosciuto come il Età del jazz , la grande differenza in termini di materiali per gli abiti era che erano più eleganti, c'erano più flash, c'erano più colori, più motivi e tutto era un po' più vivace rispetto alle generazioni precedenti di abiti. C'era anche un crescente interesse ad accessoriare i propri abiti con, diciamo, pochette o magliette con spille per colletto . Alla fine, è stata una ribellione verso la tradizione di avere abiti scuri e colori tenui senza motivi audaci.

Ad esempio, se guardi lo spettacoloImpero del lungomare, vedrai esattamente cosa intendiamo. Vedi abiti davvero rumorosi in colori audaci, strisce, ed è solo un momento molto interessante per l'abito. Allo stesso modo, il Grande Gatsby riflette perfettamente questo con il suo vestito rosa.

IL GRANDE GATSBY

L'iconico abito rosa di Gatsby

Gli anni '20 erano noti anche per il doppiopettopanciotto, che veniva tipicamente indossato sotto una giacca monopetto con rever classico. Oggi sarebbero considerati piuttosto insoliti. Se vedi un gilet doppiopetto, in genere presenta una giacca con uno o forse due bottoni e revers a lancia . Inoltre non abbottonare la giacca, per mostrare il gilet doppiopetto.

L'età d'oro dell'abbigliamento maschile classico (anni '30)

Gli anni '30 furono caratterizzati da un abito che aveva un pesante taglio drappeggiato con una spalla larga, molta soppressione in vita, pantaloni a vita alta che erano appena tagliati molto larghi e leggermente affusolati verso le scarpe. Era lo stile numero uno in Inghilterra e negli Stati Uniti, ma anche in posti come Vienna.

The Drape Cut - London Lounge

The Drape Cut – London Lounge

Giacche erano in genere un po' più lunghi e non avevano prese d'aria nella parte posteriore per una linea pulita ideale quando stavi in ​​piedi. Inoltre, tieni presente che i tessuti erano venduti piuttosto pesanti, quindi drappeggiavano molto bene e non si stropicciavano molto. Il look era molto maschile e ha costruito le basi per un look molto eroico sul grande schermo. Basta guardare Cary Grant o Clark Gable che hanno usato perfettamente l'abito per sottolineare la loro personalità nei film.

Ritratto di Clark Gable 1940

Ritratto di Clark Gable con abito monopetto 3 rotoli-2 e tirante orizzontale

Nel complesso, uno stile drappeggiato degli anni '30 era un po' più raffinato, più affusolato verso la gamba rispetto agli abiti della fine degli anni '20. Ancora oggi, gli anni '30 sono spesso definiti l'età d'oro dell'abbigliamento maschile classico, in gran parte per il modo in cui sono stati progettati gli abiti. Puoi saperne di più consultando il nostro eBook, Signori dell'età dell'oro .

Gli anni '40

Nel decennio successivo, la tuta cambiò molto. La seconda guerra mondiale significava che tutto doveva essere razionato, e quindi non c'era più tessuto per questi elaborati abiti ampi dal taglio pieno. Gli abiti del 1940 erano invece caratterizzati dal minimalismo. Il abito di flanella grigia è diventata l'opzione preferita per l'abbigliamento professionale di tutti i giorni. Non era doppiopetto, ma piuttosto monopetto, aveva revers stretti e un pantalone molto slanciato senza polsini, per risparmiare tessuto.

Laurence Fellows Uomo 1941

Laurence Fellows Uomo 1941

Per gli stessi motivi, i gilet o i gilet sono diventati impopolari. Se guardi l'abito degli anni '40, è molto simile alla moda di un abito del 2020, perché è snello, ordinato e nel complesso molto sottile. Naturalmente, i tessuti erano ancora molto più pesanti di oggi e ne avevano anche un po' di più struttura di quello che otterresti oggi.

L'eccezione nell'abito minimale degli anni '40 era l'abito ribelle Zoot. Era un prodotto della ribellione della controcultura giovanile, in particolare nelle comunità afroamericane e messicane. Avevano pantaloni davvero larghi, una giacca lunga e tutto era oversize ed eccessivo. Le spalle erano super imbottite e spesso la gente lo criticava come antipatriottico perché metteva la tua idea di moda oltre il razionamento del tessuto.

Gli anni '50

Durante gli anni '50, la ribellione del dopoguerra ebbe sicuramente un impatto sulla tuta. Alla fine dell'austerità, alcune persone sono tornate allo stile dell'abito di prima della guerra, quindi i risvolti si sono allargati, i pantaloni hanno di nuovo le pieghe e non erano più così sottili.

Abito doppiopetto nei primi anni

Abito doppiopetto nei primi anni '50

Pantaloni plissettati erano particolarmente apprezzati perché consentono una gamma di movimenti e un maggiore comfort e questo, tra l'altro, è ancora vero oggi. Il giubbotto in un completo a tre pezzi ha continuato a diminuire perché il riscaldamento centralizzato era più o meno consolidato all'epoca e quindi il bisogno di calore extra all'interno era svanito. Ancora una volta, era un periodo del dopoguerra e proprio come dopo gli anni '20, quando ci fu questa ribellione del dopoguerra contro lo stile della generazione precedente, la stessa cosa accadde negli anni '50.

Non era solo l'abito zoot ma molti altri giovani si ribellavano allo stile dei padri e dei nonni indossando magliette o jeans o giacche di cuoio . Un altro esempio di questa ribellione, forse in modo più sottile, è stato il Stile Ivy League che è stato incarnato dalla giacca in stile sacco. Di solito è definito da una giacca a tre rotoli con un unico spacco centrale e pantaloni senza pieghe.

Ivy Style iniziò a fiorire negli anni

Ivy Style iniziò a fiorire negli anni '50

L'altro stile di giacca era sempre monopetto e aveva pochissima o nessuna imbottitura sulle spalle, il che creava una silhouette molto naturale che è più strettamente associata Italia oggi, ma in realtà anche gli americani lo fanno da molto tempo. Questo era un momento in cui Fratelli Brooks davvero dominato nella storia americana e in generale, anche la casualizzazione dei vestiti non ha preso piede nell'abito, quindi lo stile Ivy League era caratterizzato da combinazioni, più dell'abito. Sì, l'abito era ancora in circolazione, ma i cappotti sportivi sono diventati più popolari grazie alla loro maggiore consistenza e variazione di colore.

Alla fine degli anni '50, abbiamo visto un'altra sottocultura in abiti nota come tuta Mod. Era aderente con risvolti stretti. Era indossato con cravatte strette, pantaloni senza pieghe molto sottili e dal taglio dritto. Per buoni esempi di semi del 1950, puoi guardare Frank Sinatra o il Rat Pack, incarnavano davvero lo stile dell'epoca.

Il Rat Pack in Black Tie - nota solo sinatra ha polsini alla francese

Il Rat Pack in Black Tie – nota solo sinatra ha polsini alla francese

Gli anni '60

Durante gli anni '60, lo stile degli anni '50 è stato più o meno esteso quando si trattava di abiti. Quindi avevi abiti attillati con alcune imbottiture sulle spalle che venivano indossate con strette cravatte . I pantaloni erano piuttosto stretti, un po' più affusolati verso la caviglia e corti in modo da non vederne uno rompere sulla scarpa. Anche se c'erano polsini o meno, i tessuti erano ancora piuttosto pesanti e strutturati, ma hanno fatto alcuni progressi e ora hanno aggiunto nylon e nuove fibre artificiali al tessuto perché quella era una cosa nuova.

Abito marrone e grigio in stile anni

Abito marrone e grigio in stile anni '60

Allo stesso modo, i cappotti sportivi con motivi più audaci sembrano essere preferiti per quelli più tenui. In questa serie si può vedere un buon assaggio dello stile degli anni '60 Uomini pazzi , dove puoi vedere, ad esempio, persone che indossano cappotti scozzesi audaci, abiti slim al ufficio . Lo stile si è definitivamente interrotto negli anni '70, che possono essere considerati un punto basso nella storia dell'abito e della moda maschile, in generale.

Don Draper (Jon Hamm), Pete Campbell (Vincent Kartheiser) e Ken Cosgrove (Aaron Staton) - Mad Men

Don Draper (Jon Hamm), Pete Campbell (Vincent Kartheiser) e Ken Cosgrove (Aaron Staton) – Mad Men

Gli anni '70

Gli abiti erano ancora relativamente stretti ma avevano dei risvolti molto grandi, erano piuttosto appariscenti e spesso i pantaloni avevano un taglio svasato. È interessante notare che gli anni '70 hanno restituito l'abito a tre pezzi ma non era affatto formale. Era piuttosto casual e più parte del cultura della discoteca . Basti pensare a John Travolta Febbre del sabato sera . Insieme al luminoso colori , i sintetici erano ora usati prevalentemente negli abiti degli anni '70, il che non li rendeva migliori a lungo termine e, nel complesso, è stato un decennio da dimenticare.

Il poliestere era il re negli anni

Il poliestere era il re negli anni '60 e '70, rendendo i vestiti più convenienti e più facili da lavare

Gli anni '80

Gli anni '80, d'altra parte, erano molto migliori per la tuta. Se dovessimo scomporlo in una cosa, probabilmente sarebbe il power suit. È stato reso popolare per la prima volta da Richard Gere in Gigolò americano ma anche in TV di Miami vice .La figura centrale in questa silhouette dell'abito era Giorgio Armani. L'italiano aveva una giacca morbida ma ampia sulle spalle, aveva revers più larghi con una gola molto più bassa ma un punto di abbottonatura molto piccolo. Nel complesso, Armani ha creato una silhouette da abito molto definita, ma oggi è facilmente databile agli anni '80 per questo motivo.

Giorgio Armani

Giorgio Armani

Un altro grande esempio della tuta del potere era la roba che indossava Michael Douglas è Gordon Gekko nel film Wall Street . Tutte queste tute sono state progettate da Alan Flusser e sono l'epitome di ciò che è una tuta potenziata fino ad oggi. Insomma, hai visto il ritorno del doppiopetto, hai visto gessati di nuovo e pantaloni a taglio vivo.

Michael Douglas nel ruolo di Gordon Gekko

Michael Douglas nel ruolo di Gordon Gekko

Nonostante Armani abbia sostanzialmente ridotto la struttura dell'abito e lo abbia reso molto morbido, era comunque considerato qualcosa che avesse spalle forti o grandi e una silhouette provocatoria. In generale, gli anni '80 sono stati un periodo di eccessi e una celebrazione del capitalismo e del tuta di potere era una diretta espressione di quel tempo.

Gli anni '90

Il prossimo decennio è un altro punto basso della causa. Fondamentalmente hanno preso gli aspetti peggiori dei semi degli anni '80, lo hanno pronunciato, lo hanno reso ancora più brutto. L'abito degli anni '90 era più da clown; monopetto giacche a volte avevano tre o anche quattro bottoni, i doppiopetto ne avevano sei pulsanti ma solo quello più in basso era abbottonato su un punto di abbottonatura estremamente basso, quindi solo le proporzioni sembravano sbagliate. I pantaloni erano squadrati e larghi, troppo lunghi e avvolti intorno alle caviglie.

anni

Richard Gere e Julia Roberts dentro Bella donna (1990)

Il nuovo millennio

Gli anni 2000

In contrasto con ciò, i primi anni 2000 hanno visto il ritorno dell'abito slim. Il nuovo millennio ha portato una reazione totale agli abiti completamente tagliati e pieni di puzza degli anni '80 e '90, ed è tornato più a uno stile minimalista che avevamo visto prima negli anni '40. Alcuni potrebbero persino sostenere che risale più a un abito in stile mod degli anni '60.

Tom Ford

Tom Ford

Non solo la tuta è arrivata più magro ma è anche diventato più corto e il punto di abbottonatura è aumentato. Allo stesso tempo, alcune persone preferivano indossare l'abito nero come un modo semplice per creare un'uniforme minimalista che fosse ridotta. Pantaloni erano spesso orlati piuttosto corti, le giacche avevano revers stretti, e un perfetto esempio di ciò è Thom Browne, che realizzava giacche e pantaloni estremamente corti. Ad altri piace Tom Ford , ad esempio, aveva ancora abiti dal taglio più sottile, ma non erano così estremi. Per questo motivo, gli abiti Tom Ford possono essere indossati ancora oggi, mentre gli abiti Thom Browne sono più una dichiarazione di moda che qualcosa che un uomo normale indosserebbe in un ambiente quotidiano.

Gli anni 2010

Nel decennio successivo la società, in generale, divenne più disinvolta e la necessità di a completo da uomo davvero scomparso. Allo stesso tempo, c'è stata una rinascita nell'abbigliamento maschile classico di persone che non devono indossare un abito ma che intenzionalmente voglio indossare un abito , perché a loro piace l'aspetto e il modo in cui li fa sentire.

Abito tre pezzi dal taglio moderno con semplice pochette in lino bianco e cravatta stampata

Abito tre pezzi dal taglio moderno con semplice pochette in lino bianco e cravatta stampata

Mentre gli abiti popolari, in generale, sono ancora sottili, la gola sulla giacca si è spostata più in alto soprattutto per le giacche con revers a lancia e anche il punto di abbottonatura è cresciuto. A volte, le giacche sono persino diventate più corte nella misura in cui non coprono più nemmeno parte del tuo sedere. Fornitura di abiti è diventato un fenomeno mondiale che riflette questa tendenza verso una giacca più corta più sottile, abito con abbottonatura più alto. Allo stesso modo, la tecnologia Internet ha consentito a tutti gli imprenditori di inventare servizi online su misura così le persone possono personalizzare il proprio abito online senza la necessità di dover vedere un sarto.

$ 400 - 800 Smoking della gamma da Suitsupply

$ 400 - 800 Smoking della gamma da Suitsupply

Conclusione: l'abito oggi

Tuttavia, con la rinascita generale e l'interesse per il tema degli abiti e dell'abbigliamento classico maschile, probabilmente ce ne sono di più sarti su misura oggi rispetto a 20 anni fa. Grazie a Internet, i gruppi di interesse di tutto il mondo possono ora connettersi, condividere e divulgare le loro conoscenze e quindi la conoscenza generale dell'abito e dello stile classico maschile è decisamente aumentata.

Sven Raphael Schneider in un abito autunnale composto da fedora, abito Caraceni marrone vintage, gilet, maglia winchester, colletto e spettatori.

Sven Raphael Schneider in un abito autunnale composto da fedora, abito Caraceni marrone vintage, gilet, Maglia Winchester , collare e spettatori.

Negli ultimi anni, la giacca casual a tre rulli con spalle più naturali in una silhouette snella e talvolta anche i pantaloni con laccetti sono diventati più popolari, quindi si tratta di ottenere di più casuale con più consistenza e colori più luminosi in una giacca morbida e destrutturata e, a volte, anche realizzata in un tessuto a maglia che è estremamente flessibile e sembra più di indossare un maglione piuttosto che una giacca tradizionale.

Riepilogo degli abiti

Indosso un abito doppiopetto blu scuro realizzato con un finissimo tessuto di lana pettinata di Vitale Barberis Canonico. È un abito personalizzato ed è estremamente morbido nelle spalle. Nel tessuto, sembra davvero più un maglione che altro. Poiché è un filato così fine ad alta torsione, è soggetto a grinze. Allo stesso tempo, posso cuocerla a vapore sotto la doccia.

Lo abbino a una camicia estiva con doppio risvolto a righe più decise di bianco, giallo, blu e marrone, e una cravatta in maglia di seta gialla di Fort Belvedere che si abbina alla pochette in lino con punti croce e di un blu a contrasto che riprende il colore nell'abito.

Raphael indossa un abito doppiopetto blu scuro, camicia a righe, scarpe con cinturino marrone e accessori Fort Belvedere.

Raphael indossa un abito doppiopetto blu scuro, camicia a righe, scarpe marroni con cinturino e accessori Fort Belvedere.

Calzini a coste Shadow Stripe Grigio e Blu di Prussia Fil d

Forte Belvedere

Calzini a coste Shadow Stripe Cotone Fil d'Ecosse grigio e blu di Prussia

Acquista qui Fazzoletto da taschino in lino artigianale giallo con punto X arrotolato blu navy

Forte Belvedere

Fazzoletto da taschino in lino artigianale giallo con punto X arrotolato blu navy

Guarda Cravatta in Maglia di Seta Tinta Unita Giallo Chiaro - Fort Belvedere

Forte Belvedere

Cravatta in maglia di seta tinta unita giallo pallido

Acquista qui Gemelli Nodo Pugno Scimmia - Argento Sterling Vermeil Placcato Oro Giallo - Fort Belvedere

Forte Belvedere

Gemelli Nodo Pugno Scimmia – Argento Sterling Vermeil Placcato Oro Giallo

Acquista qui

Le mie scarpe sono cinturini marroni patinati a mano che hanno una bella gradazione di colore tra il giallo, il marrone chiaro brunastro e i marroni più scuri, e li lego insieme a un abito usando un paio di calzini a righe ombra di Fort Belvedere in blu e blu grigiastro . I miei gemelli sono pugni di scimmia d'oro di Fort Belvedere.

Quindi, cosa significherà il prossimo decennio per la tuta? Qual è la tua epoca preferita di adattamento? Condividi con noi nei commenti qui sotto!