Maker's Mark & ​​46 Guida e visita della fabbrica

Tour del marchio dei produttori

Poche settimane fa, sono stato invitato a fare una visita Marchio del creatore in Kentucky e per saperne di più sul loro ultimo prodotto Maker's 46 . Dato che sono stato a lungo interessato al Kentucky Straight Bourbon (vedi ns Guida borbonica ) Sono stato felice di fare un tour del Kentucky Bourbon Trail. Prima di visitare effettivamente la distilleria panoramica a Loretto, nel Kentucky, abbiamo visitato la Independent Stave Company che produce quasi tutte le botti per la produzione di whisky bourbon negli Stati Uniti. In quanto tale, ho goduto di una vera esperienza Bourbon dall'inizio alla fine. Inoltre, abbiamo visitato a casa l'ex CEO di Maker's Mark e ora il presidente emerito Bill Samuels, dove ho condiviso molte informazioni sull'industria Bourbon e Maker's Mark. Prima di condividere il nostro resoconto di viaggio, vorrei presentare un po' di storia su Maker's Mark.

SommarioEspandereCrollo
  1. Storia del marchio del produttore
  2. Indipendent Stave Company – Tutto inizia con il barile
  3. Maker's Mark Distillery a Loretto, Kentucky
  4. Come nasce Maker's Mark
  5. Differenza tra Maker's Mark e Maker's 46
  6. Borbone e Kentucky
Creatore

Maker's Mark: ogni goccia è diversa, ogni goccia è la stessa

Storia del marchio del produttore

Prima di Maker's Mark, la famiglia Samuels produceva bourbon sotto il TW Samuele label, fondata nel 1844 da Robert Samuels nel Kentucky. Dopo il ritorno dalla seconda guerra mondiale, T. William Samuels Sr. (alias Bill Samuels) ha lavorato per un paio d'anni nell'azienda fino a quando si è reso conto che era tempo di cambiare. Così, con i suoi figli che lo osservavano, bruciò la vecchia ricetta di famiglia e ne creò una propria, sostituendo la solita segale nella miscela di purè acido di mais, malto d'orzo e segale con il più costoso grano rosso invernale morbido, fornendo un sapore corposo ma morbido . In quanto tale, Maker's Mark può essere considerato uno dei primi whisky Bourbon Straight premium.

Configurazione molto idilliaca e un punto di riferimento storico a Maker

Installazione molto idilliaca e un punto di riferimento storico al Maker's Mark a Loretto, nel Kentucky

Mentre Bill Samuels Sr. era responsabile del whisky, sua moglie Margie Mattingly Samuels ha dovuto inventare tutto il resto prima che il primo lotto potesse essere imbottigliato l'8 maggio 1958. Non aveva né un background nel marketing né nella progettazione grafica, eppure ha aiutato nel trovare il nome, il caratteristico top in cera rossa intinto a mano, il carattere tipografico e l'etichetta strappata a mano per la stessa Maker's Mark, che rimane invariata oggi. Il nome Maker's Mark si è materializzato durante una discussione nella casa di Bardstown dei Samuels, quando un dirigente pubblicitario ha notato l'insegna di un artigiano sul fondo di una tazza di peltro. La signora Samuels gli ha quindi dato il suo nome distintivo. Tutte le bottiglie presentano un logo S IV con una stella, che sta per S amuels, distillatori di 4a generazione di Star Hill Farm, la proprietà della distilleria. Per i primi 22 anni, Maker's Mark ha prodotto circa 16.000 casse all'anno (una cassa ha 6 normali bottiglie da 0,75 l), il 99% delle quali è stato consumato nel Kentucky. È probabile che sarebbe rimasto un fenomeno locale se David P. Garino non avesse fatto loro visita nel 1980. Era un giornalista del Wall Street Journal che ha scritto un pezzo intitolato Maker's Mark Goes Against the Grain per lasciare il segno : Il distillatore di bourbon è un modello di inefficienza per scelta; Nessun caso per Fidel Castro. È apparso il 1 ° agosto di quell'anno e ha evidenziato il lento processo di produzione del whisky a Maker's Mark. Il mosto è stato cotto più a lungo e le botti sono state girate e spostate durante la maturazione, cosa importante perché una botte in cima al magazzino invecchia in modo diverso rispetto a quelle in fondo. Tutto ciò lo ha reso più costoso e alcuni dicono più gustoso. Di conseguenza, persone provenienti da tutto il paese volevano acquistare Maker's Mark e si sono esaurite all'istante.

  • Creatore

    Il palazzo di Maker's Mark nella proprietà originale, oggi utilizzato come punto ristoro per gli ospiti

  • Puoi vedere l

    Puoi vedere l'età del legno lungo i bordi

  • Creatore

    Edificio principale di Maker's Mark

Margie ha sempre insistito sul fatto che una parte dei proventi dell'attività dovrebbe essere utilizzata per trasformare la distilleria in un luogo che le persone vorrebbero visitare e di cui parlare ai propri amici, e così è stato. Si è rivelato così idilliaco e bello che è stato aggiunto al Registro nazionale dei luoghi storici nel 1974 ed è diventato un monumento storico nazionale nel 1980.

Stave Company indipendente

Stave Company indipendente

Indipendent Stave Company – Tutto inizia con il barile

Il Stave Company indipendente è un'azienda familiare di 4a generazione con oltre 1000 dipendenti che esporta le sue botti in oltre 20 paesi. Producono botti per quasi tutti i produttori di Bourbon nel Kentucky. Sono molto protettivi nei confronti dei loro processi, motivo per cui non ho molte foto o dettagli specifici da condividere con te. Detto questo, è stata comunque un'esperienza interessante vedere come elaborare i lavori di fabbricazione delle botti. Ecco cosa posso condividere.

  • American Oak viene conservato all

    American Oak viene conservato all'aperto per 7 mesi per abbattere i tannini

  • Pezzi di quercia che riposano nel bagno turco in modo che possano essere trasformati in botti

    Pezzi di quercia che riposano nel bagno turco in modo che possano essere trasformati in botti

  • Tostatura e carbonizzazione di teste di botti di rovere

    Tostatura e carbonizzazione di teste di botti di rovere

  • Ogni lavoratore viene pagato al barile e se qualcosa viene interrotto, devono aggiustarlo

    Ogni lavoratore viene pagato al barile e se qualcosa viene interrotto, devono aggiustarlo

  • Prima che i barili siano carbonizzati, vengono cotti a vapore - it

    Prima che le botti siano carbonizzate, vengono cotte a vapore: è un continuo avanti e indietro

  • Flusso di lavoro molto organizzato

    Flusso di lavoro molto organizzato

  • La carbonizzazione della botte

    La carbonizzazione della botte

  • Creatore

    Maker's Mark va con il pesante Char

  • Le botti vengono riempite e controllate per perdite e qualità

    Le botti vengono riempite e controllate per perdite e qualità

La produzione di botti inizia con New American White Oak dalle parti centrali degli Stati Uniti. Questo legno specifico viene scelto perché ha la giusta quantità di tannini e zuccheri del legno per la produzione di whisky bourbon. Una volta tagliato a pezzi, Maker's Mark richiede di far riposare i pezzi per circa 9 mesi, di cui almeno un'estate, per abbattere i tannini. Ogni distillatore ha esigenze diverse e quindi le differenze iniziano già con il processo di maturazione del legno. Una volta completamente maturato, il legno viene cotto a vapore fino a quando non ha i giusti livelli di umidità e quindi trasformato in botti. Una sezione della catena di montaggio è dedicata solo ai coperchi, che vengono realizzati e tostati tutti in un unico luogo. È importante scegliere i pezzi che hanno i rami degli alberi perché non possono essere utilizzati. Ogni parte riceve un timbro di approvazione, perché i fabbricanti di botti sono pagati dall'unità e se le cose vanno male in seguito, devono aggiustarlo.

  • Il risultato del processo di carbonizzazione

    Il risultato del processo di carbonizzazione

  • Creatore finito

    Barili di marchi del produttore finiti in attesa di essere utilizzati

Nella sala principale della bottaia, i singoli pezzi di legno sono assemblati a forma di botte. Ogni barile contiene 53 galloni / 200 litri e durante la produzione ogni barile subisce varie fasi di cottura a vapore e tostatura / carbonizzazione. Sebbene ci siano una serie di opzioni di carbonizzazione, Maker's Mark utilizza il carattere n. 4, che è il carbone tradizionale più pesante che estrarrà i sapori e il colore più vanigliati. È interessante notare che la maggior parte dei barili prodotti al momento della mia visita erano il carattere n. 4 o n. 3. Una volta carbonizzati, vengono applicati i coperchi e la botte viene riempita per vedere se presenta difetti. Controllano le botti lungo il percorso per ridurre al minimo le riparazioni alla fine. Sorprendentemente, ISC produce molti barili alla volta e poi li immagazzina in modo che siano pronti per l'uso quando il cliente ne ha bisogno. Se desideri il tuo barile, puoi persino ordinarlo qui . Sono aperti per visite al pubblico . Ecco un bel video che illustra il processo. Kentucky Cooperage 712 East Main St. Libano, KY

Negozio di articoli da regalo e degustazione sotto lo stesso tetto presso Maker

Negozio di articoli da regalo e degustazione sotto lo stesso tetto da Maker's Mark

Maker's Mark Distillery a Loretto, Kentucky

Dopo aver visitato la cooperativa, siamo andati alla distilleria Marker's Mark a Loretto, KY, a circa 25 minuti di auto. Il nostro gruppo ha effettivamente preso un autobus turistico Mint Julep, che fornisce corse in tutto il sentiero del Kentucky Bourbon. Il nostro autista è stato molto gentile e cordiale, ma l'autobus era coperto da un foglio dall'esterno che rendeva difficile guardare fuori. Anche se generalmente penso che il tour in autobus sia una buona idea, ho davvero preferito fare il giro del resto del sentiero in auto per una migliore flessibilità e visite turistiche. Alla Maker's Mark Distillery ci è stato servito un pranzo del sud nell'ex casa della famiglia Samuels, che si trova su una collina che domina la pittoresca proprietà della distilleria. Proprio come intendeva Margie, i giardini si sono rivelati un posto bellissimo che le persone vogliono vivere.

  • Provando un po

    Provando un po' di White Dog a 140 prove

  • Creatore

    Maker's 46

  • Il segreto del creatore

    The Secret of Maker's Mark 46 – Quercia francese che dona al Whisky più sapore senza i tannini

Come nasce Maker's Mark

Prima di tutto, puoi solo chiamare qualcosa Whisky Bourbon se è:

  1. Prodotto negli Stati Uniti
  2. Composto da una miscela di cereali con almeno il 51% di mais (la poltiglia acida Maker's Mark è composta da 70% di mais, 16% di grano tenero rosso invernale, 14% di malto d'orzo)
  3. Invecchiato nuovo botti di rovere carbonizzate
  4. Distillato fino a 160 gradi / 80% vol
  5. Barile a non più di 125 prove / 62,5% vol
  6. Imbottigliato a 80 gradi / 40% vol o più

Nota che non è richiesta l'età per il whisky bourbon. Per chiamare qualcosa Whisky Bourbon Dritto, dev'essere :

  1. Invecchiato per almeno 2 anni
  2. Non è possibile aggiungere coloranti di aroma
  3. Se invecchiato inferiore a 4 anni, deve essere etichettato con la durata della sua stagionatura
  4. Età etichettata in base all'età del minore whisky in bottiglia

Poltiglia Acida

La produzione di whisky da Maker's Mark inizia sempre con il purè acido, che è una miscela di acqua, mais, grano, malto e lievito. Tante distillerie sono state fondate in Kentucky perché l'acqua filtrata dal calcare riduce il ferro e lo rende ideale per la produzione di whisky. La miscela esatta di Maker's Mark è ovviamente proprietaria, proprio come le colture di lievito. Il nostro tour è stato guidato dall'entusiasta Master Distiller Greg Davis, che ci ha fatto assaggiare prima il lievito, che è una razza di cimelio; ogni distilleria ha il suo piccolo segreto. Inaspettatamente, ha il sapore di una birra di frumento piuttosto che di whisky, ma all'inizio è fondamentalmente quello che è fondamentalmente il mash acido: la birra.

Maker's fa sobbollire il suo mosto in vasche di cipresso vintage per ore oltre a vasche di acciaio inossidabile più grandi che sono altrettanto buone, con meno manutenzione. All'inizio l'impasto è in realtà piuttosto dolce, ma nel corso del processo il lievito consuma lo zucchero, creando alcol, che renderà il mosto acido dopo alcune ore, da cui il nome poltiglia acida . L'altro prodotto di scarto del lievito è l'anidride carbonica, motivo per cui queste aree sono fortemente ventilate con giganteschi ventilatori. In effetti, se cadessi in una di queste vasche di poltiglia, moriresti quando verrai in superficie a causa di tutta l'anidride carbonica.

  • Tutto inizia con il Sour Mash - Maker

    Tutto inizia con il Sour Mash – Maker's Mark è uno dei pochi che usa ancora, almeno in parte, mash di legno

  • Creatore

    Maker's Mark è praticamente l'unico che ruota le botti per garantire livelli di gusto coerenti

  • Creatore

    Maker's Mark Tasting Room con tutti i tipi di campioni

Distillare il cane bianco

Una volta che tutto lo zucchero è sparito e la fermentazione si è fermata, è il momento di distillare l'alcol. Da Maker's viene distillato a circa 140 gradi / 70 % vol. e generalmente chiamato W hit Cane perché è un chiarospiritoche non è invecchiato con un pizzico di dolcezza del mais.

Invecchiamento

A questo punto il whisky è pronto per la botte. Inizialmente la botte viene riempita fino alla sua capacità di 53 galloni / 200 litri e conservata in un magazzino dall'aspetto arcaico che aveva un odore assolutamente paradisiaco: whisky e legno mescolati. Nel tempo, il whisky evapora (circa il 30% in 6 anni), che è anche noto come parte dell'angelo, da qui l'odore. Durante il processo di maturazione le variazioni di temperatura e clima costringono lo spirito a entrare e uscire dal legno carbonizzato, estraendone lungo il percorso sapore e colore. Sorprendentemente, la posizione nel magazzino è della massima importanza, e se lasciassi riposare le botti per 4-6 anni, il bourbon dell'ultimo piano avrebbe un sapore molto diverso dalle botti conservate al primo piano. La maggior parte delle distillerie risolve questo problema miscelando insieme le diverse botti del magazzino. Maker's Mark gira effettivamente i barili a mano per consentire il miglior risultato. Durante il processo di invecchiamento, vengono prelevati campioni per garantire coerenza e qualità. Maker's Mark non ha solo un pannello di degustazione, ma assume anche chimici per analizzare lo spirito con la cromatografia liquida ad alta pressione per garantire una coerenza.

Imbottigliamento

Quando il whisky esce dalla botte, ha tra 115 e 124 gradi e quindi viene aggiunta acqua fino a raggiungere 90 gradi. Tuttavia, la maggior parte degli intenditori aggiunge un po' d'acqua al whisky prima di berlo in modo da ottenere un sapore diverso. Sono rimasto stupito di vedere come poche gocce d'acqua possano davvero aprire un whisky e renderlo più intenso e saporito. Con l'ultimo aumento di popolarità a Bourbon, il settore è in piena espansione e Maker's Mark ha esteso le proprie strutture del 50% non molto tempo fa, ed è in procinto di espandersi ancora una volta, ma non è ancora sufficiente per soddisfare la domanda. Ad alte prove, l'aggiunta di acqua aggiunge più sapore al whisky e, dopo molti test, il Master Distiller Greg Davis ha affermato che nessuno poteva assaporare la differenza tra un Maker's Mark a 86 prove e un Maker's Mark a 90 prove.

  • Creatore

    Maker's Mark Tasting Room con tutti i tipi di campioni

  • Le unità HPLC per cromatografia liquida ad alta pressione di Agilent garantiscono Maker

    Le unità HPLC per cromatografia liquida ad alta pressione di Agilent assicurano che Maker's Mark abbia lo stesso sapore

  • Creatore

    Maker's Mark è più preoccupato per il gusto costante e testano molto

  • Creatore

    Stampa di etichette in loco a mano sull'antica macchina da stampa

  • Permettere

    Iniziamo l'imbottigliamento

  • Creatore

    Bottiglie Maker's Mark dall'inizio alla fine in loco

  • Tuo

    Raphael intinge la sua bottiglia di Maker's Mark 46

  • Creatore

    Il romanticismo di Maker's Mark non si ferma alla catena di montaggio

Avevano un enorme pannello di test e conducevano test alla cieca 2:1. Certi che avesse lo stesso sapore, Maker's Mark ha deciso di offrire Maker's Mark a 86 prove e una volta che hanno rilasciato queste informazioni al pubblico, hanno ricevuto oltre 210.000 e-mail entro quattro ore da consumatori per lo più arrabbiati e indignati. Successivamente, le persone hanno fatto irruzione nei negozi di liquori e hanno acquistato le restanti 90 bottiglie di prova, quindi tutti erano esauriti, anche se questo è esattamente ciò che Maker' Mark voleva evitare. Indipendentemente dai risultati del pannello di test, il messaggio era chiaro. Nelle parole di Bill Samuels Jr., non fottere con il nostro whisky, quindi dopo solo una settimana, Maker's Mark è stato imbottigliato di nuovo a 90 prove, e l'azienda ha fatto un altro annuncio, spiegando che sarebbero tornate a 90 prove . Ancora una volta, le persone si sono precipitate al negozio di liquori per acquistare quelli che ora consideravano rari oggetti da collezione a prova di Maker's Mark 86... Alla fine, tutto è tornato alla normalità e i consumatori sono felici.

Differenza tra Maker's Mark e Maker's 46

A differenza di molti altri produttori di Bourbon Whisky, Maker's Mark non invecchia il loro bourbon con il tempo ma con il gusto. Un'annata particolarmente calda o fresca può avere un grande impatto sul gusto, quindi in media Maker's Mark matura circa 5 anni e mezzo. Il Master Distiller Greg Davis è sempre preoccupato di ottenere il massimo del sapore senza aggiungere tannini perché lasciano un retrogusto un po' amaro. Nel nostro test del gusto, abbiamo avuto whisky di cane bianco, Maker's undermatted, Maker's normale, Maker's overaged e Maker's 46. 1. White Dog – Maker's White Personalmente, l'ho trovato poco eccitante anche se ti dà una sensazione in bocca rivestita. Vendono questo prodotto esclusivamente alla distilleria ma credo che la maggior parte lo acquisti perché è unico. La mancanza di maturazione in rovere lo rende insipido. 2. Marchio del produttore sottomaturo Era visibilmente di colore più chiaro, privo di complessità e più alcolico nel gusto. Le note di vaniglia erano esistenti ma non forti. 3. Marchio del produttore regolare Un liscio, frontale della tavolozza bourbon in un bel colore rame. Avvolgenti note di vaniglia e caramello, facili da bere liscio. 4. Marchio del produttore maggiorenne Il Bourbon invecchiato era più scuro con un sapore più audace di vaniglia e caramello, ma nella parte posteriore del palato aveva una nota distintamente amara. Il tempo supplementare nelle botti non solo ha dato al bourbon più sapore ma anche più tannini. Ad alcune persone piacciono molti tannini, ma Maker ha sempre cercato di ridurre l'amarezza nel loro whisky, motivo per cui hanno usato il grano piuttosto che la segale per il loro bourbon in primo luogo.

Tuo

Stai davvero immergendo la sua bottiglia Maker's Mark 46

In genere, i whisky o gli alcolici più vecchi sono più costosi perché la quota dell'angelo aumenta, ma non è necessariamente un prodotto dal sapore migliore. Fatti un favore e scegli il gusto, non l'esclusività. 5. Marchio del creatore 46 Nel 2008, Maker's Mark ha nominato Kevin Smith come nuovo Master Distiller presso Maker's Mark e fin dall'inizio Bill Samuels Jr. ha voluto creare un nuovo bourbon che corrispondesse alla tradizione della casa. Smith ha suggerito di dargli una finitura diversa, ma dopo che erano trascorsi 18 mesi e più di 120 esperimenti erano falliti, Maker ha deciso che era tempo di cambiare e ha portato Brad Boswell, presidente e proprietario di ISC. Suggerì di aggiungere al bourbon pezzi di quercia francese scottata e tostata. Questo metodo aveva il numero di profilo 46, che è il modo in cui Maker's 46 ha preso il nome. Sebbene questo legno francese sia naturalmente molto ricco di sapore e tannini, la scottatura è stata sufficiente per rilasciare aromi di vaniglia e caramello mantenendo i tannini all'interno del legno. Successivamente, Maker's Mark ha continuato gli esperimenti fino a quando non si è reso conto che bastavano poche settimane affinché le doghe di rovere francese avessero l'effetto desiderato. In pratica il bourbon esce dalla botte, vengono poi installate le doghe di rovere francese e il bourbon rientra nella botte per acquisire sapore in più. Sebbene questa procedura richieda più tempo e manodopera e quindi costosa, ottieni il meglio di entrambi i mondi: gli audaci aromi di vaniglia e caramello del vecchio Maker's Mark e il finale morbido del normale Maker's Mark senza tannini amari. Naturalmente, questo processo è ora protetto in modo che nessun altro possa usarlo, ma questo è il segreto di Maker's 46. Le 46 note di gusto di Maker

  • Odore: delizioso, dolce naso con rovere tostato e caramello ma non alcolico
  • Sapore: ricco e cremoso con alcuni aromi di quercia scottata, caramello audace e vaniglia nella parte anteriore del palato. L'aggiunta di un po' d'acqua esalta il sapore sulla lingua.
  • Finitura: audace e appetitoso finale di quercia senza amarezza
https://www.youtube.com/watch?v=wTVI2l5WjO8

Borbone e Kentucky

Alla fine della nostra giornata, ci siamo fermati per un cocktail a casa di Bill e Nancy Samuels, che è stato molto istruttivo e molto divertente. Bill era il figlio maggiore del fondatore di Maker's Mark. Vivevano in una villa a Bardstown, proprio accanto a Jim Beam e John Shaunty, che divenne nota come 'Whiskey Row'. Con tale vicinanza, non sorprende che Jim Beam fosse in realtà il padrino di Bill Jr.. Il bicchiere da whisky di Jim Beam fa ora parte della collezione bar di Samuels, che contiene una serie di rare bottiglie vintage tra cui la prima Maker' Mark e le 46 bottiglie di Maker's.

A casa di Bill Samuels Chariman Emeritus presso Maker

A casa di Bill Samuels Chariman Emeritus presso Maker's Mark con tutti i tipi di bottiglie rare tra cui la primissima Maker's 46

All'inizio della carriera di Bill, ha frequentato la scuola di ingegneria aeronautica e, sebbene non fosse particolarmente bravo, ha ottenuto un grosso lavoro con molte responsabilità dovute alla richiesta del governo. Sotto il suo regno, un enorme edificio esplose e così si ritrovò senza lavoro. A questo punto era interessato a entrare in azienda, ma suo padre ha pensato che fosse meglio mandarlo alla facoltà di giurisprudenza. Anche Bill Jr. non era così bravo in questo e così alla fine, con l'aiuto di Jim Beam, riuscì a convincere suo padre a lasciarlo entrare nell'azienda.

  • In tutta la casa troverai oggetti immersi in Maker

    In tutta la casa troverai oggetti immersi in Maker's Mark Wax

  • Maggie Thatcher

    La figlia di Maggie Thatcher è venuta un giorno a trovare i Samuels e ha rispedito una bottiglia molto speciale di 10 Downing Street

Anche quando era un ragazzino, Beam gli aveva raccontato storie dei suoi antenati che avevano investito in una banca pochi giorni prima del Black Friday e di un altro parente che aveva investito in carrozze a motore che facevano concorrenza alla Ford. Quindi credeva che non avrebbe mai avuto successo in nient'altro che nel whisky. Così, quando suo padre voleva vendere alcune delle azioni a Jim Beam, Bill Jr. rilevò sua sorella e gestì l'azienda come amministratore delegato fino a quando suo figlio non prese il sopravvento. A casa loro, vari oggetti come cornici e statue erano stati immersi nella cera del Marchio del Creatore, che è piuttosto caratteristica. Ha rilevato l'attività nel 1975 e sotto la sua direzione, l'azienda ha registrato una crescita a due cifre anno dopo anno e, sebbene non abbia introdotto nuovi prodotti, ne ha perfezionato il marketing ed è cresciuto da 16.000 casi all'anno a oltre 1 milione di casi nel 2012! Ora suo figlio Rob (8a generazione) è responsabile delle operazioni e, a parte Maker's 46, non hanno in programma di creare altre varianti di Whisky. Le poche eccezioni sono l'edizione Mint Julep, che viene sempre rilasciata durante il Kentucky Derby e il Maker's White, che viene venduto esclusivamente in loco. Se sei mai in Kentucky, Maker's Mark è assolutamente da vedere!