Le 10 migliori destinazioni sartoriali del mondo

Il bello di Internet per gli appassionati di abbigliamento maschile classico è che ci fa scoprire atelier e artigiani di tutto il mondo che producono i migliori capi sartoriali. Ma quali mete sartoriali vale la pena visitare di persona?

SommarioEspandereCrollo
  1. Le 10 migliori destinazioni di viaggio sartoriali
  2. Conclusione

I vantaggi dello shopping online sono tanti, ma non assoluti. Potremmo trovare un collegamento a qualcosa che delizia, ma potremmo anche apprendere che un determinato negozio non effettua spedizioni in tutto il mondo o che il costo è proibitivo con prezzi complessivi più elevati a causa dei dazi all'importazione. Inoltre, quando si tratta di valutare la qualità, il colore e la consistenza dei tessuti, niente è meglio di vedere le cose (e provarle) di persona. E, se siamo veri intenditori, ci piace anche vedere in prima persona come vengono realizzati specifici capi di abbigliamento maschile. È qui che entra in gioco il viaggio sartoriale.

Sven Raphael

Prepara le valigie per i viaggi sartoriali.

Cravatta in maglia di seta rossa bordeaux tinta unita

Forte Belvedere

Cravatta in maglia di seta rossa bordeaux tinta unita

acquista qui Una fotografia di un fazzoletto da taschino con medaglione di lana di seta rosso vino, giallo, blu, verde, arancione

Forte Belvedere

Fazzoletto da taschino con medaglione in lana di seta rosso vino, giallo, blu, verde, arancione

acquista qui

Il viaggio sartoriale prevede una vacanza in destinazioni con impianti di produzione o negozi di abbigliamento maschile classico. Questo di solito non include grandi magazzini o marchi aziendali che possono essere trovati nelle principali città del mondo, come Isaia o Canali, anche se potresti sicuramente mescolarli in un viaggio sartoriale. Piuttosto, il vero viaggio sartoriale prevede la visita di piccoli negozi specializzati - gestiti da sarti, cordwainer, pellettieri e altri artigiani - che sono unici nel luogo. Il mondano signore è ben servito visitando gli atelier che svolgono un lavoro artigianale di alta qualità, e che quindi meritano il nostro interesse e patrocinio.

Angelo Inglese of G. Inglese in Ginosa, Italy

Angelo Inglese of G. Inglese in Ginosa, Italy [Image Credit: G. Inglese ]

Il viaggio sartoriale può comportare visite secondarie nell'ambito di una vacanza più generale o, soprattutto per le destinazioni del nostro elenco, può essere lo scopo di un intero viaggio, da solo o con un partner indulgente e familiari. Le destinazioni sartoriali sottostanti rappresentano una classifica delle nostre destinazioni preferite, alcune delle quali sono state visitate dai nostri contributori. I criteri utilizzati sono in gran parte obiettivi, in quanto l'elenco si basa principalmente su luoghi con un'alta concentrazione di offerte di abbigliamento maschile, reputazione e altre attività disponibili. In generale, ciò significa che l'articolo tratterà principalmente le principali città. Si possono certamente fare viaggi sartoriali da camiciaio G. Inglese a Ginosa, in Italia, o visitare le fabbriche di scarpe a Northampton, in Inghilterra, ma questi luoghi sono fuori dai sentieri battuti. L'elenco è anche soggettivo in termini di preferenze di stile individuali del suo autore, il dottor Christopher Lee (che, ad esempio, non è un appassionato di sigari o orologi da polso), quindi l'elenco ipotetico del lettore potrebbe differire per alcuni aspetti. In effetti, l'organizzazione per classifica potrebbe anche essere omessa, ma c'è qualcosa di innegabilmente soddisfacente in un conto alla rovescia tra i primi dieci. Prendilo come una serie di consigli o come guida introduttiva. Detto questo, entriamo nel nostro...

Le 10 migliori destinazioni di viaggio sartoriali

10.Tokyo

Quando si considerano le principali sartorie del Giappone, vengono in mente due nomi: Giacca ad anello nel prêt-à-porter e Ciccio (il soprannome di Noriyuki Ueki) per il su misura. Ciccio è uno dei tanti sarti e calzolai giapponesi formati in Italia. La bellezza di Ciccio abiti , e della sartoria giapponese in generale, è nel modo in cui ibrida sapientemente lo stile italiano con l'attenzione giapponese ai dettagli. Il lavoro di Ciccio non è né troppo rigido né troppo esagerato. Di solito Ciccio non conduce trunk show (vale a dire, eventi di vendita di presentazione diretta itineranti) al di fuori dell'Asia, quindi il potenziale cliente di solito deve recarsi da loro.

Ciccio (a destra) nel suo atelier, durante una visita di Simon Crompton di Permanent Style.

Ciccio (a destra) nel suo atelier, durante una visita di Simon Crompton di Permanent Style . [Credito immagine: Stile permanente ]

Nel frattempo, nel mondo di pronto da indossare , Ring Jacket produce un'ampia varietà di capi e li offre in varie altre località oltre a Tokyo. Ad esempio, dopo aver provato e essere rimasto molto soddisfatto dalla qualità e dalla vestibilità delle camicie e dei pantaloni Ring Jacket acquistati negli Stati Uniti, non vedevo l'ora di provare i loro cappotti e abiti sportivi, che vendono per più di $ 1500. In Giappone, invece, sono meno costosi e disponibili in una più ampia selezione di tessuti. Sì, puoi acquistare da Ring Jacket sul sito di vendita online giapponese Rakuten, ma potresti non essere sicuro nella scelta della taglia, in quanto giapponese sartoria è spesso sottodimensionato per i fisici occidentali (e in particolare americani). Hai una taglia? Il marchio è adatto al tuo corpo? Viaggia a Tokyo almeno una volta per scoprirlo. Porta indietro un mucchio di capi acquistati a meno di quanto spenderesti a casa.

Giacca ad anello in lana a palloncino verde oliva.

Giacca ad anello in lana a palloncino verde oliva. [Credito immagine: Pinterest ]

Per ragioni come queste, Tokyo è un ottimo esempio del perché dovresti impegnarti in viaggi sartoriali se sei innamorato di un particolare marchio. I giapponesi fanno particolarmente bene il denim e lo chambray, e sono anche dei maestri Stile edera americana . Mentre visiti la capitale, tieni gli occhi aperti per ciò che è disponibile e passa al famoso grande magazzino travi F , anche, che porta una gamma di sartoria interessante. Tieni presente che sperimenterai la cultura nel suo insieme, i suoi panorami, i suoi cibi, la sua gente, quindi non stai semplicemente volando dall'altra parte del mondo per una giacca.

9. Singapore

Al momento della prima pubblicazione di questo articolo, Singapore è sotto gli occhi del pubblico a causa del film del 2018, Pazzo Ricco asiatici . Ha anche fatto rumore per la crescita del settore dell'abbigliamento maschile in città. Kevin Seah su misura potrebbe essere la destinazione di abbigliamento maschile più celebrata, oltre che la più grande della città, e il suo grande spazio è qualcosa da vedere se sei interessato a fatto su misura e su misura tute (3000-5000 SGD o circa $ 2200 a $ 3700 US) o in altri accessori. La stampa di abbigliamento maschile ha ampiamente lodato la selezione di tessuti di Seah e la qualità della sua sartoria.

Una selezione di giacche di Kevin Seah, con tessuti sia conservatori che audaci.

Una selezione di giacche di Kevin Seah, con tessuti sia conservatori che audaci. [Credito immagine: Forbes ]

Ad una fascia di prezzo più accessibile è Q Abbigliamento da uomo (i cui abiti su misura partono da $ 870), indossati da celebrità di Singapore e personalità di #menswear maschili e femminili. Camicie e pantaloni sono abbastanza convenienti su misura, entrambi vanno da $ 170 a oltre $ 200, anche se il loro sito Web non ha la spedizione globale al momento della stesura di questo articolo. Interessanti anche i vari pacchetti completi di guardaroba. Se hai voglia di visitare un atelier dove puoi osservare davanti ai tuoi occhi la realizzazione di cravatte, pochette, sciarpe e fasce per cappelli, Vanda Fine Abbigliamento merita una visita. I partner Diana Chen e Gerald Shen tagliano e assemblano meticolosamente cravatte individuali e altri accessori in modo davvero artigianale.

Taglio a mano presso Vanda Fine Clothing

Taglio a mano presso Vanda Fine Clothing [Image Credit: Vanda Fine Abbigliamento ]

Anche il gioco delle scarpe di Singapore è particolarmente forte. Puoi trovare cordwainer da Alden a Edward Green rappresentato e calzolaio spagnolo Carmina ha una filiale lì. Infine, per l'esperienza completa della merceria, dai un'occhiata Ultimo e bavero , una recente aggiunta (2016) al panorama dell'abbigliamento maschile di Singapore, con marchi come Bresciani, G. Inglese e Ring Jacket. Tutti i negozi citati sono giovani, essendo stati aperti solo negli ultimi dieci anni, a testimonianza della vivace crescita dell'industria dell'abbigliamento maschile in città. Singapore potrebbe salire più in alto in questa lista man mano che il settore diventa più consolidato.

8. Hong Kong

Hong Kong è stata a lungo una destinazione per coloro che cercano un abito su misura in modo rapido e conveniente, e la città ha ancora questa reputazione. Per decenni, uomini d'affari, celebrità, politici e reali sono diventati artisti del calibro di Il sarto di Sam nel distretto di Kowloon per un abito fatto su misura in pochi giorni o addirittura 24 ore. Tuttavia, in molti casi, la massima per cui ottieni ciò per cui paghi di solito si rivelerà vera. Detto in altro modo, chiunque riesca a sfornare un abito su misura per te in pochi giorni non è in grado di creare un capo di assoluta qualità. Nella migliore delle ipotesi, otterrai un abito standard, simile a quello che troveresti in un grande magazzino americano, ma leggermente più costoso ($ 500+), forse con una vestibilità migliore, ma senza nulla di interessante o eccitante. Detto questo, Sam ha numerose buone recensioni e una clientela famosa, non che i famosi siano buoni giudici di cosa significhi essere ben vestiti. Il successo con un'azienda di questa natura è probabile solo se si superano i $ 1000 per la scelta del vestito, il che compensa l'affare che stai cercando. Un'opzione migliore potrebbe essere quella di lunga data WW Chan , dove puoi ottenere un abito su misura in 9 giorni per circa $ 1500. Tieni presente che chiunque offra un abito su misura in una settimana non fornirà mai la qualità di una sartoria italiana o britannica (che, al contrario, richiederà mesi).

L

L'attuale comproprietario Sham Melwani (figlio del fondatore, Sam) apre le porte del famoso sarto di Hong Kong. [Credito Imafe: Punti di distanza ]

Non importa cosa, abiti economici con tempi di consegna rapidi non dovrebbero essere la tua ragione per fare un viaggio sartoriale a Hong Kong. Invece, controlla l'originale Armeria posizioni nel Pedder Building e nel Landmark Central, di fronte l'una all'altra. Oltre a mostrare una gamma completa di prodotti, troverai anche trunk show con marchi di tutto il mondo, inclusi alcuni che non viaggiano al di fuori dell'Asia (vedi Tokyo sopra). Altre destinazioni di destinazione sono Ascot Chang , per camiceria personalizzata e Prologo , un sarto di recente costituzione con uno stile casa interessante che combina spalle morbide e non imbottite, un basso gola , e locali aperti. Come The Armoury, Prologue è un negozio multimarca, che vende anche scarpe e camicie Yanko di Sartoria Formosa, tra gli altri.

Punto di riferimento dell

Negozio The Armoury's Landmark [Credito immagine: Stile permanente ]

7. Stoccolma

Come per il design e gli arredi contemporanei, anche gli svedesi hanno lasciato il segno nello stile maschile classico. Per prova, basta dare un'occhiata Andrea Weinas . Tre sono le destinazioni da non perdere Rosa & Nato , Lund & Lund , e Gabucci . Il primo è popolare sui social media e incarna un uso nordico dei toni della terra come verdi, marroni e beige nella loro gamma completa di abbigliamento maschile. Gabucci e Lund & Lund sono generalmente più di fascia alta e presentano un'enfasi italiana, vendendo Loro Piana, Cesare Attolini, Salvatore Ambrosi e Orazio Luciano.

Lo showroom di Lund & Lund, a Stoccolma.

Lo showroom di Lund & Lund, a Stoccolma. [Credito immagine: Questo è tutto ]

È una società intrigante con sede a Stoccolma Blugiallo , dal nome dei colori della bandiera svedese: blu e giallo. L'azienda offre un guardaroba su misura su misura, ma prima di poter effettuare l'ordine online, è necessario fissare un appuntamento fisico per le misurazioni e una consulenza, cosa possibile solo se sei in città. Coloro che amano le calzature raffinate vorranno fermarsi Skoaktiebolaget , un calzolaio premium che vende anche marchi di fascia alta come John Lobb e offerte su ordinazione di St. Crispin's, insieme ad altri accessori. Un evento divertente che si svolge in città ogni settembre è lo spettacolo Super Trunk, facilitato dal Guardare le scarpe blog; include importanti marchi di scarpe internazionali (Gaziano & Girling, Yanko e Vass tra gli altri) e presenta una competizione per il campionato di lustrascarpe.

Un paio di stivali eleganti di Skoaktiebolaget.

Un paio di stivali eleganti di Skoaktiebolaget.

6. Milano

Milano è conosciuta a livello internazionale come centro della moda, oltre che per le sue Fashion Weeks. Tuttavia, in termini di città italiane, spesso viene trascurato nelle guide. Personalmente, Milano è la mia città italiana preferita in termini di sensazione di immersione nella vita di tutti i giorni. In particolare per quanto riguarda l'abbigliamento maschile, ci sono marchi economici come Gutteridge e Lanificio Angelico , i cui prodotti hanno un prezzo all'incirca allo stesso livello delle catene di negozi americane, ma con uno stile italiano distintivo e una storia che risale al 19° secolo. Una passeggiata lungo Via Dante dalla metropolitana di San Babila al Duomo, con fermate in ciascuno di questi negozi, rende la giornata incantevole. Anche se allo stesso modo non è unico a Milano, i negozi piacciono Boggi Milano , Sartoria Rossi e anche SuitSupply è di facile accesso quando sei in città; puoi provare gli articoli e acquistarli a un costo molto inferiore rispetto a quando dovessi spedire al di fuori dell'UE. Tra i marchi unici, questi sono titolati dai rappresentanti della dinastia sartoriale Caraceni e si può dedicare un intero tour a piedi ai luoghi che hanno legami con la famiglia. Anche se i legami familiari lo sono abbastanza complesso da svelare , a Milano puoi trovare le sartorie di A. Caraceni e Ferdinando Caraceni , con i più stretti legami con l'originaria famiglia fondatrice, e D. Caraceni, oggi marchio e di proprietà della famiglia sartoriale Campagna di Milano.

Vetrina da D. Caraceni a Milano.

Vetrina da D. Caraceni a Milano.

L'ennesimo sarto con connessioni Caraceni lo è Musella-Dembech , il cui patriarca, Francesco Musella, fu tagliatore per Augusto Caraceni. Musella-Dembech ha ottenuto notevoli elogi online da Simone Crompton e altri per la sua sintesi di stili di abiti del nord e del sud dell'Italia. Gli abiti su misura negli showroom Caraceni costano circa $ 6000, mentre quelli a Musella-Dembech partono da poco più di $ 5000. Per le persone audaci che amano distinguersi, un appuntamento con Sciamat potrebbe essere nelle carte. La sartoria di Valentino e Nicola Ricci è caratterizzata da revers decisi e una spalla ancora più distintiva.

Gianfrancesco Musella at work in the atelier of Musella Dembech.

Gianfrancesco Musella at work in the atelier of Musella Dembech.

Per un su misura diverso (e più abbordabile), puoi fissare un appuntamento per incontrare Gianni Cerutti di Passagio Cravatte, una piccola impresa che realizza cravatte quadruple e sette pieghe con tessuti vintage. La fidanzata di Cerutti, Marta Passaggio, cuce le cravatte mentre lui incontra i clienti individualmente all'hotel Four Seasons. Per qualcosa di unico, fermati al laboratorio di Francesco Maglia , uno dei due produttori di ombrelli più famosi in Italia, la cui famiglia produce splendidi ombrelli dal 1854.

Un primo piano del lavoro manuale su una cravatta da Passaggio Cravatte.

Un primo piano del lavoro manuale su una cravatta da Passaggio Cravatte.

Lino Ieluzzi è rinomato per la sua influenza agli albori del #menswear e per le sue apparizioni a Pitti Uomo, e la sua boutique, al bazar , merita una sosta se non altro per il suo status iconico. Lo stile di Ieluzzi, come le sue cravatte ricamate con il numero 7, è più audace, più del sud italiano e più alla moda rispetto ad altre proposte milanesi. Infine, per il prêt-à-porter con un forte seguito online, dai un'occhiata al flagship store Lardini in Via Gesù per una gamma completa di abbigliamento maschile, dai cappotti sportivi alle maglie e ai soprabiti. Se sei così propenso, concludi la tua visita con una facile gita sul Lago di Como per un po' di relax e magari una visita organizzata con un setificio.

Lino Ieluzzi nel suo negozio, Al Bazar.

Lino Ieluzzi nel suo negozio, Al Bazar.

5. New York

Negli Stati Uniti, nessun'altra città offrirà la ricchezza di cultura, intrattenimento ed esperienze culinarie che New York vanta, quindi una visita vale sempre la pena. Se un marchio di abbigliamento maschile europeo ha una sede negli Stati Uniti, tale sede sarà molto probabilmente a New York, e lo stesso in generale trunk show , anche. camiceria fiorentina Simone Abbarchi può incontrarti una o due volte l'anno in un hotel della città per misurarti e scegliere i tessuti. Produttori di occhiali su misura giapponesi Nackymade tenere spettacoli all'Armeria. Drake's di Londra, Turnbull & Asser e Stefano Bemer hanno i loro unici avamposti americani a New York. Pertanto, se ti trovi negli Stati Uniti, puoi programmare le tue visite a New York in concomitanza con i trunk show o visitare le famose boutique di abbigliamento maschile in qualsiasi momento, per molto meno di un volo all'estero. Naturalmente sono rappresentati anche tutti i principali marchi aziendali.

La vetrina di Turnbull & Asser a New York.

La vetrina di Turnbull & Asser a New York.

Le start-up Internet del mercato di massa che hanno fatto irruzione sulla scena con la rinascita dell'interesse per l'abbigliamento maschile negli anni 2010, come Indochino, Knot Standard e Black Lapel, hanno tutte le loro vetrine di mattoni e malta in città, così come Acustom Apparel, che ha aperto la strada alla scansione del corpo 3D come mezzo di dimensionamento personalizzato. Questi esistono insieme a numerose vetrine che offrono opzioni economiche su misura o su misura di varia qualità, così tante, infatti, che una ricerca su Google di sarti personalizzati di New York genererà nuovi risultati per pagine e pagine. Questi includono una serie di nomi riconoscibili di Instagram stalwart Angelo su misura al sarto della vecchia scuola di Brooklyn Martin Greenfield , che ha vestito sei presidenti degli Stati Uniti. Due spiccano tra gli stabilimenti più recenti J.Müser e Manolo Costa, quest'ultimo situato in uno splendido spazio dominato da un massiccio camino antico.

Martin Greenfield, sarto di New York

Martin Greenfield, apparecchio di sartoria di New York. (Foto di Levi Welton)

La qualità varia, ovviamente. Come per Hong Kong, potresti ritrovarti con un indumento a regola d'arte, qualcosa di poco costoso e passabile da indossare in ufficio; in altri casi, puoi portare a casa un capo di abbigliamento che ti delizierà. Per gli articoli che ti daranno una vita di utilizzo o una bella vestibilità utilizzando tessuti di alta qualità, fai le tue ricerche preliminari online, quindi vai in città stessa e visita i luoghi per giudicare la qualità in prima persona. Ci sono diversi posti che meritano una visita Panno adeguato , Kent Wang , e Articoli di stile . Le camicie personalizzate di Proper Cloth sono ben fatte con una buona vestibilità. Visita il loro showroom al piano di sopra a Soho per verificare le taglie e dare un'occhiata in prima persona alle loro scelte di tessuto. Fai lo stesso nell'unica vetrina fisica di Articles of Style; Dan Trapanier L'azienda produce capi sartoriali dal taglio meticoloso, made in America. Kent Wang è noto online per articoli di qualità a prezzi ragionevoli e un servizio clienti personalizzato. La loro unica sede negli Stati Uniti (su appuntamento) è a Manhattan, dove puoi indossare un abito di prova e scarpe. A proposito di scarpe, Sinistra è il posto dove stare per Alden, Edward Green e altri marchi di fascia alta. Concludi il tuo viaggio con una visita all'iconico Barneys.

Dan Trepanier e Will Howe

Dan Trepanier (a destra) e Will Howe dirigono Articoli di stile a New York [Credito immagine: Reddit ]

4. Parigi

Famosa in tutto il mondo per la sua combinazione di eventi culturali, musei e cibo, Parigi (come Milano) è senza dubbio considerata una città della moda. Anche se il suo obiettivo principale sarà probabilmente sempre l'abbigliamento femminile, c'è ancora molto da trovare nell'area dello stile maschile tradizionale. Il grande nome in città è probabilmente Cifonelli , noto in tutto il mondo per l'elegante slanciata della sua giacca sulla spalla, che culmina in una manica con una corda. Ci sono due boutique separate a Parigi, una per il su misura e l'altra per il prêt-à-porter. Quest'ultimo sembra propendere per l'haute couture, ma le tradizionali offerte su misura (che costano circa € 6000 per un abito) non sono niente da schernire. Altri sarti su misura da verificare sono Campi di Luca , una fusione francese, italiana e spagnola ($ 7500 per un abito); Francesco Smalto ; e Jean-Manuel Moreau, la cui boutique porta lo stile napoletano a Parigi attraverso i rapporti con Orazio Luciano e Dalcuore per progetti su misura e su misura.

Lorenzo Cifonelli, uno dei capi di quarta generazione del leggendario sarto parigino. (Foto per gentile concessione di The Parisian Gentleman)

Lorenzo Cifonelli, uno dei capi di quarta generazione del leggendario sarto parigino. (Credito immagine: Il gentiluomo parigino )

Altrettanto stravagante come Cifonelli è il famoso Charvet, le cui magliette costano più di $ 500 ciascuna e che sono abbastanza esclusive da non avere un vero sito web. La loro posizione a più piani in Place Vendôme è qualcosa da vedere e l'attenzione che prestano a ogni singolo cliente è leggendaria. Una visita come minimo è un'esperienza di vita essenziale per chiunque apprezzi i tessuti per camicie. Continuare la tendenza del lusso in un'area spesso trascurata dell'abbigliamento maschile Heurtault ombrelli, ciascuno realizzato a mano da Michel Heurtault, in seta per il baldacchino, acciaio vintage del 1900-1970 per le stecche, un unico pezzo di legno per il manico e una punta in corno. Questi ombrelli sono vere opere d'arte, destinate a durare una vita a partire da circa 500€. I signori più inclini al budget possono cercare Pep's Umbrellas, situato nel bellissimo e storico Passage de l'Ancre a Parigi.

Pep

Pep's Umbrellas si trova nel bellissimo Passage de l'Ancre a Parigi. [Credito immagine: Wikipedia ]

Può sembrare strano trovare ottimi produttori di ombrelli (forse più associati al Regno Unito) a Parigi, ma un certo numero di marchi britannici, tra cui Loake, Crockett & Jones ed Edward Green, hanno avamposti anche a Parigi. Così, puoi avere crepes e una visita al Louvre con i tuoi prodotti britannici, il tutto senza attraversare la Manica. In termini di marchi di scarpe francesi, Loding , situato sull'elegante Boulevard Saint-Germain, vale la pena dare un'occhiata. Il marchio è conveniente ($ 300 per tutte le scarpe) e recensito positivamente. Il negozio vende anche maglioni, maglieria e accessori. A proposito di accessori: per souvenir veloci e portatili, portati dietro un fazzoletto da taschino Simonnot Godard , azienda a conduzione familiare che produce fazzoletti dal 1787, prima della Rivoluzione francese. Puoi trovarli in uno qualsiasi dei sarti sopra menzionati e in una serie di altre boutique elencate sul sito Web di Simonnot Godard. Infine, includeremo anche un nuovo arrivato nel panorama dell'abbigliamento maschile parigino, Pini Parma . I prezzi e la qualità sono di fascia media, ma nel complesso attraenti. Ho un camicia di jeans da loro che è incredibilmente versatile, oltre a un paio di mocassini con nappine in vitello blu con una patina unica dipinta a mano; interessante anche la loro capsule collection Soragna di pantaloni plissettati.

Un modello mostra alcuni dei capi dell

Un modello mostra alcuni dei capi dell'esordiente parigino Pini Parma; i pantaloni con regolazione laterale sono dettagliati a destra. [Credito immagine: Revisione del modello ]

3. Firenze

Per l'assoluta densità di negozi di abbigliamento maschile stipati in una piccola città (in altre parole, il miglior rapporto qualità-prezzo), Firenze prende la torta. Per quanto riguarda la sartoria su misura, Fattorino e fattorino è la presenza dominante. In effetti, il taglio fiorentino dell'abito - petto pieno, spalla leggermente estesa, linee pulite - è incarnato dallo stile della casa di Liverano, circa $ 7000 su misura. Per una tariffa più conveniente, c'è Sartoria Vanni (su misura) e Shibumi-Firenze, che spediscono i loro progetti su misura a un sarto di Napoli (2800 euro per un abito). Shibumi è anche noto online per i suoi accessori e puoi trovare altri piccoli negozi che vendono cravatte, pochette e sciarpe mentre ti muovi su e giù per le strade laterali. Si noti che in generale, la qualità sarà standard per l'abbigliamento da lavoro, ad eccezione di Tie Your Tie, un caposaldo fiorentino acquisito da un'azienda giapponese e che ora riflette l'estetica elevata di Kenji Kaga.

Sven Raphael Schneider indossa un abito di flanella DB

Sven Raphael Schneider indossa un abito di flanella DB a Firenze

Papillon in Seta Antica Robbia in Paisley Viola - Fort Belvedere

Forte Belvedere

Papillon in Seta Antica Madder in Paisley Viola

acquista qui Una foto di un fiore all

Forte Belvedere

Fiore all'occhiello Fiordaliso blu Fiore all'occhiello in seta

acquista qui

Firenze è anche famosa per la sua pelletteria; non solo giacche e borsette, ma piccoli oggetti come portafogli e portacarte per il gentiluomo. Prova il Scuola di Cuoio (Scuola di pelletteria), oppure attraversate il più tranquillo versante sud dell'Arno (Oltrarno) per trovare vari negozi di pelletteria. Considerando la sua storia con la pelle, non sorprende che Firenze sia anche patria di numerosi cordwainers (calzolai), tra cui Stefano Bemer, Roberto Ugolini , Il Micio, andMannina. Alcuni offrono prodotti prêt-à-porter di fascia alta (oltre $ 1000), mentre altri offrono l'opportunità di provare per la prima volta scarpe su misura (€ 1500 e oltre). Tutti tranne il più sperimentale Il Micio fanno il loro mestiere nell'Oltrarno.

pantaloni della tuta in marrone medio con derby a punta divisa

Un paio di derby vintage con punta norvegese realizzati da Mannina di Firenze, come di proprietà di Sven Raphael Schneider . (Calzini: Calzini a Costine Shadow Stripe Cotone Antracite e Arancio Fil d'Ecosse – Fort Belvedere )

A volte viene trascurato il fatto che Firenze ha in realtà un iconico grande magazzino di abbigliamento maschile classico dal 1894– Eredi Chiarini –con una vasta gamma di marchi europei in offerta. Se preferisci un piccolo ambiente boutique con una varietà di offerte, dai un'occhiata Bernardo (che vende Cucinelli e marchi principalmente italiani) o Frasi, gestita da Simone Righi, figura nota nel mondo del #menswear. Dall'altra parte dello spettro, se stai cercando un singolo capo di abbigliamento fatto bene, puoi visitare Simone Abbarchi , che realizza camicie su misura e su misura a un prezzo abbastanza contenuto (meno di € 200). Naturalmente, anche Firenze è dove Pitti Uomo si svolge due volte l'anno, dandoti due possibilità di crogiolarti nella sua deliziosa eccentricità o persino di entrare nella sala della convention, dove puoi vedere in anteprima ciò che è previsto per il prossimo anno. Gennaio offre una grande opportunità per allontanarsi dai climi più freddi verso un inverno italiano più mite, mentre lo spettacolo di giugno ti regala l'esperienza tipica dell'estate in Italia. Gelato, chiunque?

cappello fedora grigio, bombetta marrone, cappotto verde oliva, abito a righe grigie, abito a righe marroni, papillon, cravatta marrone Pitti Uomo 89

I pavoni di Pitti si pavoneggiano a Firenze.

2. Napoli

Firenze e Napoli potrebbero facilmente scambiarsi posti in questa lista, ma Napoli ottiene un leggero vantaggio; ciò è dovuto alla sua enorme influenza nel plasmare non solo la sartoria italiana, ma anche lo stile globale, come luogo di origine della bella figura. Alcuni viaggiatori evitano Napoli, dando alla città un ampio margine nel loro cammino verso la Costiera Amalfitana, perché percepita come in qualche modo sporca o pericolosa, ma chi ci ha già viaggiato prima capisce che questo stereotipo è falso. La personalità della città e della sua gente, così come le sue numerose proposte di abbigliamento maschile, meritano una visita prolungata. Basta evitare di guidare!

Nuovo ingresso Rubinacci

Ingresso Rubinacci a Napoli

I sarti, e per questo molto bravi, sono presenti in altissima concentrazione. Alcuni dei nomi più famosi sono MarianoRubinacci(più noto per lo stile sgargiante del figlio Luca) e Orazio Luciano , entrambi spaziano dal prêt-à-porter al su misura, e Dalcuore . Altri nomi degni di nota sono Ciardi, Edesim, Sartoria Formosa, Peluso, Panico, Sartoria Napoletana e Solito. In una precedente visita in città, Sven Raphael Schneider ha descritto il giovane sarto Enzo Canfora . Per fortuna, una nuova generazione di sarti come Enzo, Luca e Salvatore di Grassia è pronta a continuare le consolidate tradizioni sartoriali. Prima di visitare Napoli per commissionare o acquistare vestiti, fai le tue ricerche online in termini di cosa desideri, cosa puoi permetterti e quale/i stile/i di casa preferisci. Quando hai i piedi per terra, fai attenzione agli altri sartorie che non hai visto online Spesso un'operazione meno affermata o un giovane sarto ti costeranno meno, ma faranno comunque un lavoro fantastico nel creare un capo per te; il risultato potrebbe non essere perfetto, ma può battere il prêt-à-porter acquistato in negozio di un miglio in termini di stile e vestibilità. Se hai un budget limitato o apprezzi la possibilità di scoprire un furto, prova a mercato delle pulci locale .

L

Il sarto napoletano Enzo Canfora cuce l'interfodera di una giacca.

Molti sarti napoletani hanno, comprensibilmente, stretto rapporti con altri negozi per vendere le loro merci. Lo stile napoletano è diventato popolare per la sua reputazione di essere comodo, con un'imbottitura minima e uno stile rilassato che è raffinato ma non sembra che tu stia andando al lavoro. Internet ha anche promosso un senso di brio o sprezzatura nella sartoria, e Stile napoletano ha quello a picche con regolatori in vita in metallo pantaloni a pieghe e spalla camicia spalle sui vestiti. Il mercato ha aiutato i sarti napoletani a prosperare; ad esempio, la Sartoria Formosa commercializza i suoi cappotti sportivi attraverso No Man Walks Alone a New York, mentre la creatrice di pantaloni Lino Pommella e Salvatore Ambrosi hanno rapporti separati con The Armory a Hong Kong e negli Stati Uniti. Certo, puoi ancora visitare questi artigiani direttamente, tutti in un posto, quando sei a Napoli, e poi sederti all'aperto con un pizza fritta e un drink dopo. Gran parte della gioia del viaggio sartoriale è l'esperienza di persona; a Napoli, puoi visitare il minuscolo spazio di E. Marinella per esaminare i loro legami, ronzare nel cortile privato di E.G. Capelli , o testimoniare il lavoro manuale degli ombrelli di Mario Talarico (dal 1860). Incontri individuali come questi creano ricordi indimenticabili, oltre a darti un oggetto tangibile da portare a casa, e quindi forniscono il meglio di entrambi i mondi, decisamente meglio che fare clic su un sito Web.

Una cravatta e relativi gemelli di E. Marinella a Napoli.

Una cravatta e relativi gemelli di E. Marinella a Napoli.

1. Londra

Probabilmente non sorprende che Londra sia in cima a questa lista. Se il posto più influente della sartoria italiana è in seconda posizione, la sede della sartoria britannica va rappresentata, ed è al numero uno. La vastità di Londra garantisce un gran numero di destinazioni per lo shopping per gli amanti dello stile classico. I negozi su Via Jermyn può occuparti per almeno un giorno (o diversi giorni se prendi un ritmo tranquillo e vai da un negozio all'altro), dalle camicie da Turnbull & Asser o Emma Wills alle vestaglie da New & Lingwood. Francamente, non esiste una concentrazione simile di abbigliamento maschile nel mondo. Vicino a Jermyn Street si trovano la Piccadilly Arcade (Budd Shirtmakers, cinturini per orologi di lusso Jean Rousseau e altri), così come la Princes Arcade (Barker Shoes, Segun Adelaja), parte del più ampio distretto dell'abbigliamento maschile di St. James. Nell'adiacente Piccadilly Street, puoi pianificare le tue riprese in campagna o un'escursione a piedi con i vestiti di Cordoni . Completa il tuo ensemble con a Cappello panama , fedora o trilby a Lock & Co. Hatters , che ha vestito Beau Brummell e prima produsse il cappello derby. Lock è il negozio di cappelli più antico del mondo, attivo dal 1676!

Ingresso Cordings su Piccadilly

Ingresso Cordings su Piccadilly [Image Credit: Stile permanente ]

A soli cinque minuti a piedi da Mayfair, puoi dare un'occhiata Drake di Londra o, più lontano, il loro outlet di fabbrica. Naturalmente, adiacente al negozio principale di Drake si trova Savile Row, che, sebbene non sia necessariamente così vivace come una volta, vanta ancora un'impressionante lista di sarti di lunga data come Anderson e Sheppard , Henry Poole e Cacciatore , calzolaio su misura Gaziano e Girling e opzioni più convenienti in Gieves & Hawkes e Chester Bari . Se desideri un abito nel classico stile britannico, il Row è il tuo punto di riferimento.

Ombrello ripiegabile Fox

Un ombrello impacchettabile di Fox Umbrellas a Londra

Ma proprio come Londra non è compressa in Mayfair e St. James, così puoi trovare gemme di abbigliamento maschile disparate sparse in tutta la metropoli. Come ci si potrebbe aspettare a Londra, puoi trovare alcuni dei migliori ombrello produttori nel mondo. Due sono James Smith & Sons, che hanno un bellissimo negozio, e Ombrelli Volpe , quest'ultimo non esattamente centrale, anche se merita una deviazione. Fox realizza uno speciale ombrello da viaggio con manico e punta che si svitano (per facilitare l'inserimento dell'ombrello nel bagaglio). Per una boutique con una gamma completa di abbigliamento maschile disponibile, vai a nord del centro Baulisti a Marylebone. Infine, se ti piace l'aspetto dei mocassini o delle pantofole belghe, relative nuove arrivate Baudoin & Lange hanno generato molti elogi per i loro design comodi ed eleganti. Hanno un'officina, che puoi visitare per il dimensionamento e per vedere di persona i modelli disponibili. Naturalmente, se hai un budget limitato, i negozi delle strade principali (Thomas Pink, Hackett e altri) sono abbondanti e puoi anche trovare SuitSupply e Boggi (tre sedi della prima e due della seconda). In verità, in termini di numero di negozi di abbigliamento maschile di alta qualità, nessuna destinazione rivaleggia con Londra.

La vetrina di Trunk Clothiers a Marylebone, Londra.

La vetrina di Trunk Clothiers a Marylebone, Londra. [Credito immagine: Pinterest ]

Conclusione

Si spera che questa guida alle migliori destinazioni di viaggio per gli appassionati di abbigliamento maschile classico abbia stuzzicato l'appetito di visitare le località di persona. Quando il gentiluomo perspicace viaggia, non vede l'ora di patrocinare negozi vecchi e nuovi, conoscere i loro prodotti e magari portare a casa qualcosa per ricordare l'esperienza. Certamente, questo elenco è limitato in termini di ciò che può essere coperto nello spazio di un singolo articolo, quindi alcuni posti sono stati omessi, e quindi è meglio che tu lo scopra da solo. Allora, quali sono i tuoi posti preferiti per i viaggi sartoriali, (in termini di città o singoli negozi)? Condividi con noi nei commenti qui sotto. Ora, non dimenticare il passaporto prima di partire per nuove acquisizioni!

Destinazioni sartoriali

Destinazioni sartoriali