Cravatta nera dell'era della depressione: l'età d'oro degli smoking degli anni '30

Abiti da sera degli anni Taglio completo tipico degli anni

Taglio completo tipico degli anni '30 per abiti da sera

Vestire per l'occasione è ormai un'abitudine delle masse così come dei 'ricchi pigri'.

annuncio smoking, 1930

L'appello in espansione della cravatta nera

Sorprendentemente, il più grande capitolo nella storia dell'abbigliamento da sera – e probabilmente dell'abbigliamento maschile in generale – è l'era segnata dalla Grande Depressione. In un momento di estrema difficoltà finanziaria per così tanti, la ricca élite ha mantenuto un guardaroba dopo le sei che non era solo elegante ma a volte addirittura decadente. Nel 1935 uno scrittore della società del New York Herald Tribune calcolò che il completo da sera di un gentiluomo di New York ben vestito poteva valere fino a $ 4.975 una volta che i suoi gioielli e la sua pelliccia fossero stati contabilizzati, l'equivalente di $ 90.000 oggi sbalorditivi. È stato questo stile di vita glamour che Hollywood ha capitalizzato quando ha soddisfatto il desiderio americano di evasione economica e nel processo ha elevato il frac e lo smoking a uno status iconico.

SommarioEspandereCrollo
  1. L'appello in espansione della cravatta nera
  2. Comfort e stile classici
  3. Gilet soavi ed eleganti
  4. L'abito: volubilità della moda
  5. Biancheria da completo per camicie e gilet
  6. L'ascesa di giacche e camicie informali
  7. Altre tendenze di stile
  8. La cravatta nera per il tempo caldo si riscalda
  9. Il ritorno della fascia
  10. Etichetta classica: Distinguere formale, semi-formale e informale
  11. Tramonto d'oro: la fine di un'era
  12. Fatti formali e icone di stile
Taglio completo tipico degli anni

Taglio completo tipico degli anni '30 per abiti da sera

L'eleganza da grande schermo è diventata più accessibile per l'uomo medio grazie alla maggiore disponibilità di smoking prêt-à-porter che sono stati commercializzati per la prima volta in massa dai sarti di Filadelfia S. Rudofker's Sons, predecessore del gigante del settore After Six. Ancora più economica è stata la nuova opzione di noleggiare semplicemente il proprio abbigliamento formale su base giornaliera. Di conseguenza, Rudofker pubblicizzò con giubilo nel 1930 che l'abitudine di vestirsi per l'occasione precedentemente confinata ai ricchi oziosi si era ora ampliata per includere le masse: uomini d'affari, camionisti, collegiali, agricoltori, impiegati, giovani delle scuole superiori: loro ' re Tutti indossano smoking!

Comfort e stile classici

Un altro fattore principale nel crescente fascino dell'abito da sera è stato sicuramente il suo miglioramento del comfort. Lo storico dell'abbigliamento maschile G. Bruce Boyer spiega che prima degli anni Trenta l'abito da sera di un gentiluomo consisteva in un abito da sera o da sera di lana da 18 a 20 once, una camicia rigida cotone con un collo alto inamidato e numerosi accessori e gioielli. Sconvolge la mente, anzi l'intero corpo, per capire come si sarebbero potuti negoziare balli tranne i più maestosi. Poi durante gli anni tra le due guerre le camicie divennero più morbide, i gilet divennero più freschi e, in particolare, gli abiti da sera divennero più leggeri dei normali abiti. Come ha riassunto una volta la storia aziendale di After Six, smoking erano finalmente fatti per ballare.

Giacche con collo sciallato DB - anni

Giacche con collo sciallato DB – Stati Uniti anni '30 in lana pettinata non finita blu notte con tasche a filetto e 3 bottoni del polsino

Infine, c'è stato l'impatto dello stile. Per quasi un secolo l'abbigliamento maschile si è concentrato sull'apparire rispettabilmente poco appariscente, ma l'influenza giovanile nata dall'era del jazz - incarnata dall'eminentemente elegante Principe di Galles - ha liberato l'abbigliamento maschile da tali vincoli negli anni '30. Per la prima volta da quando la moda Regency era di moda. Fu così che le tendenze dell'abbigliamento da sera degli anni '20, originariamente confinate nei circoli sociali d'élite, iniziarono a diffondersi tra le masse.

Forse ovviamente, l

Forse ovviamente, l'abbigliamento da sera è pensato per essere indossato la sera.

Blu notte

La preferenza cromatica disinvolta del principe per l'abbigliamento dopo le sei è stata importata in America dalle star del cinema di Hollywood ed era di gran moda verso la metà degli anni Trenta. Spesso descritto da giornalisti e inserzionisti innamorati come più nero di Nero , inizialmente era limitato alle variazioni meno formali dell'abbigliamento da sera, ma la sua popolarità si espanse rapidamente fino a quando nel 1934 i periodici di abbigliamento maschile lo promuovevano per tutti i tipi di abito da sera. Nel 1935 è stato riferito che i produttori di tessuti per abiti da cerimonia si aspettavano che le vendite del blu notte fossero uguali o addirittura superiori a quelle del nero in quella stagione. Le loro predizioni si sono rivelate vere e alla fine degli anni Trenta, etichetta e gli esperti di sartoria annunciavano che questo colore precedentemente alternativo era ora la scelta principale per abiti da sera e smoking allo stesso modo.

Gilet soavi ed eleganti

I gilet sono diventati un articolo di alto stile, osservò Apparel Arts nel 1933. Non più gli abiti spessi e inadatti, ma oggi una disposizione soave ed elegante. I signori hanno continuato a personalizzare i loro abiti da sera scegliendo tra modelli monopetto o doppiopetto, solitamente con una stretta apertura frontale a V. Avevano anche l'opzione del tradizionale stile di terzino o del nuovo e più comodo design senza schienale introdotto nel decennio precedente dal regale anticonformista inglese. Quando il principe divenne re nel 1936, Esquire riferì che la sua creazione era la scelta preferita a Londra e guadagnava rapidamente il favore negli Stati Uniti

Rilassata cravatta nera anni

Rilassata cravatta nera anni '30 con gilet nero, collo ad ala e fiore all'occhiello visti da Laurence Fellows

La moda degli anni '20 di indossare un abito completo panciotto con lo smoking informale rimase popolare a Londra e in Francia all'apertura del decennio grazie alla sua frequente apparizione sul Prince nei resort continentali. Tuttavia, nell'autunno del 1933 il numero inaugurale di Esquire riportava che il gilet bianco è stato finalmente autorizzato a riunirsi al suo compagno legittimo ma a lungo separato, il frac, e i nuovi smoking sono abbinati a un gilet del materiale della giacca, con revers in gros-grain. La rinnovata popolarità del frac nell'ultima parte del decennio ridusse ulteriormente il fascino della combinazione di razza mista, sebbene alcuni esperti di etichetta continuerebbero a raccomandarlo come una via di mezzo formale per i decenni a venire.

A metà degli anni '30 alcuni dei comò più all'avanguardia dell'epoca scelsero di ignorare del tutto le tradizionali opzioni in bianco e nero e aumentarono i loro smoking con gilet di seta colorata.

L'abito: volubilità della moda

Nemmeno il tailleur secolare era immune dall'esuberanza sartoriale dei tempi. I frac erano come le Ford, scrisse Esquire nel 1936, era motivo di orgoglio che il modello fosse cambiato di rado. Ora gli uomini venivano inondati di articoli di abbigliamento maschile e pubblicità che sottolineavano la necessità di stare al passo con le ultime mode del completo o rischiare la stigmatizzazione sociale.

Nei primi anni, c'erano due stili distinti di frac da sera, come riassunto in un rapporto sull'abbigliamento maschile del 1932. Lo stile inglese prevedeva una vita alta e spalle larghe con molto drappeggio (pienezza extra sul petto e sopra le scapole). Al contrario, il cappotto americano aveva una vita leggermente più bassa, spalle naturali e no drappo . Il look britannico ha gradualmente dominato grazie in gran parte al suo patrocinio da parte del Principe di Galles il cui sarto amava anche utilizzare revers corti e tozzi per creare ulteriormente un effetto allungato verticalmente. Polsini falsi, mancanza di un taschino sul petto e bottoni di stoffa di seta al posto dell'osso erano altre tendenze popolari emerse dall'esclusivo West End di Londra durante i primi dieci anni. Degno di nota è stato anche il ritorno del collo sciallato dégagé come alternativa consentita al revers a lancia.

London UK Black Tie Style Inverno 1939 - nota la treccia di seta galon sui pantaloni

London UK Black Tie Style Inverno 1939 – nota il gallone in treccia di seta sui pantaloni

Alcuni degli sviluppi più estremi cominciarono a cadere in disgrazia negli anni successivi all'abdicazione del principe nel 1936. Nel 1937 i risvolti ampi e tozzi stavano perdendo popolarità e nel 1940 Esquire consigliava agli uomini di attenersi alla tradizione per evitare di essere scambiati per maestri di band, una tribù nota per il girovita da vespa, le spalle larghe come un fienile e i grattacieli himalayani i pantaloni .

Per tutto il decennio le trecce dei pantaloni a tutto tondo erano ancora due strisce medio larghe o una riga molto ampia anche se il primo stile stava diventando più comune.

Biancheria da completo per camicie e gilet

Non contento di migliorare semplicemente il comfort del gilet completo, il Principe di Galles ha anche alzato la posta sul suo stile. Come le borchie e le maglie della camicia a abito intero, i bottoni del gilet erano tradizionalmente realizzati in perle per mimetizzarsi con l'indumento bianca tessuto. Di conseguenza, quando il principe iniziò ad apparire all'esclusivo Embassy Club di Londra con i bottoni del gilet nero, uomini ben vestiti se ne accorsero. La moda si diffuse rapidamente in America e presto furono ammessi anche altri colori purché non troppo appariscenti. I modelli monopetto erano più popolari di quelli a doppio petto in questo momento, ma Sua Altezza Reale fu felice di modificarli entrambi. Non solo ha esportato il fondo doppiopetto a forma di W dell'abbigliamento da giorno in un abito da sera completo, ma ha anche introdotto punte arrotondate e modelli a fondo dritto senza revers.

Sopra il gilet, il principe prediligeva un colletto alto della camicia che richiedeva un'ampia apertura e linguette molto larghe leggermente più larghe del papillon. I seni in lino semplice rimasero popolari durante l'epoca nonostante la tendenza crescente per il camicia davanti, gilet e papillon da realizzare in piqué in tono.

Completo di cravatta nera degli anni

Completo di cravatta nera degli anni '30 con influenze della cravatta bianca di camicia, colletto e gilet - nota 3 bottoni ai polsini e scarpe a punta

L'ascesa di giacche e camicie informali

Precedentemente considerato troppo informale per l'abbigliamento da sera a causa della mancanza del gilet di accompagnamento, il doppiopetto smoking la popolarità è salita alle stelle all'inizio degli anni Trenta grazie ancora una volta al modello reale dell'abbigliamento maschile britannico. Il futuro duca di Windsor ha invariabilmente abbinato il cappotto snob con una camicia da sera morbida plissettata sul davanti con colletto risvoltato attaccato e polsini francesi piuttosto che la tradizionale camicia frontale inamidata con colletto ad ala staccabile e polsini singoli. Il risultato complessivo, spiega il famoso mercenario Alan Flusser, è stato un look che ha portato un nuovo livello di informalità allo smoking tradizionale, ma senza abbassare gli standard che separavano chi si vestiva correttamente da chi si vestiva semplicemente elegante.

Sebbene gli esperti di etichetta d'epoca si assicurassero di limitare l'adeguatezza di queste innovazioni alle occasioni più informali, in particolare le serate estive, il nuovo modello di giacca rivaleggiava comunque con la popolarità dello standard monopetto nel 1935. Spesso era blu notte e il suo i risvolti erano solitamente a punta. Per quanto riguarda lo stile contemporaneo della camicia, il numero di novembre 1937 di Esquire notava che il colletto con risvolto aveva sostituito il tradizionale colletto ad ala entro la metà degli anni Trenta ed era ora praticamente standard per l'abbigliamento informale.

Tornati in Inghilterra, i camiciai londinesi hanno ideato una nuova variante che era più elegante delle camicie informali con il davanti morbido ma più comoda dell'opzione formale con il davanti rigido. La camicia Marcella risultante era un elegante compromesso costituito da un seno semirigido modellato in piqué formale con colletto e polsini abbinati.

Estate 1938 - tipici completi di cravatta bianca e cravatta nera con taglio ampio, ampi revers, drappeggio e imbottitura sulle spalle

Estate 1938: tipici completi di cravatta bianca e cravatta nera con taglio ampio, ampi revers, drappeggio e imbottitura sulle spalle

Apparentemente non c'era fine all'appetito per gli svolazzi nella moda serale degli anni Trenta che si estendeva fino ai minimi dettagli:

  • i rivestimenti in seta opaca o a coste divennero preferiti poiché i revers in raso lucido erano sempre più associati all'abbigliamento prêt-à-porter
  • la semi-farfalla era la forma preferita del papillon, sebbene fossero accettabili anche la cravatta arrotondata, la cravatta a punta e la stretta cravatta a pipistrello dritta
  • il tessuto del papillon nero ora si abbinava ai risvolti dello smoking
  • la gardenia bianca o garofano era il fiore all'occhiello preferito dai tradizionalisti, ma il garofano rosso trifoglio ispirato al Principe di Galles era sempre più popolare tra i giovani uomini; alla fine degli anni '30 al mix fu aggiunto il fiordaliso blu
  • per l'abito completo l'orologio da taschino era indossato con un portachiavi nei primi anni, poi in seguito è tornato il vecchio portachiavi con sigillo georgiano
  • l'homburg nero o blu notte è diventato il copricapo standard con gli abiti da sera sia in Inghilterra che negli Stati Uniti

La cravatta nera per il tempo caldo si riscalda

L'ultima innovazione degna di nota del decennio è una delle poche a non essere stata ispirata dal principe. Invece, è stato originato da americani benestanti e britannici che cercavano un'alternativa più fresca al pesante abito da sera nero che assorbe il calore durante lo svernamento nei climi tropicali.

Giacca Mess Dress con fascia bordeaux sulla sinistra e giacca calda DB off white sulla destra - London UK 1938

Giacca Mess Dress con fascia bordeaux a sinistra e giacca calda DB off white a destra – Londra UK 1938

La giacca da pasticcio

Alla fine del 1931 i giornalisti di moda dei resort tropicali americani notarono una nuova moda tra le persone mondane per la giacca bianca da pasticcio, una controparte civile dell'abbigliamento formale militare che assomigliava a un frac tagliato in vita. Apparel Arts ha spiegato che la giacca è nata come abito da sera per ufficiali della marina britannica, ma per la sua adozione da parte di americani ben vestiti da indossare a bordo dei loro yacht e alle eleganti funzioni serali di Palm Beach, è accettata come corretta. Con l'approvazione dell'alta società, l'abbigliamento alla moda divenne presto di gran moda.

All'inizio, la giacca era realizzata in gabardine, anatra o un materiale lavabile e aveva revers a lancia e bottoni frontali. Era indossato con un gilet dello stesso materiale, una camicia formale con collo ad ala e pantaloni eleganti a vita alta neri o blu notte senza tasche posteriori. Il papillon e gli accessori erano come da normale abbigliamento da sera informale. Un paio di anni dopo apparve una variante più intelligente e informale del collo a scialle senza bottoni o taschino. È stato opportunamente abbinato a una camicia con colletto a risvolto morbido sul davanti e alla fascia da smoking recentemente (re)introdotta.

Poi, quasi con la stessa rapidità con cui era apparso, la giacca da pasticcio cadde in disgrazia. Il suo principale svantaggio era che il taglio era sconveniente per chiunque avesse una corporatura poco atletica. Il suo secondo inconveniente era che fu rapidamente adottato come uniforme universale per fattorini e gruppi jazz e pochi gentiluomini di qualsiasi livello di forma fisica desideravano essere scambiati per aiutanti o intrattenitori.

Giacca da sera bianca

Gli smoking bianchi sono stati presentati per la prima volta insieme alla giacca da pasticcioresortcome Palm Beach e Cannes, anche se con molto meno clamore. Realizzati in drill di cotone, lino o seta, erano originariamente indossati con pantaloni bianchi o neri di lana tropicale. La loro popolarità nei luoghi tropicali crebbe lentamente ma inesorabilmente e quando la giacca da pasticcio divenne superata nel 1936 erano comuni quanto i tradizionali cappotti scuri. Nel numero di agosto 1936, Esquire definì il guardaroba da sera formale per eccellenza per i climi caldi:

Quest'anno, il grande successo è quello di smoking (di colore chiaro) mono o doppiopetto, con colletto e risvolto automatico facce. Questi sono indossati con pantaloni tropicali [neri], stringate o décolleté in vernice, una camicia bianca e morbida con colletto morbido o lavato e una cravatta nera.

Una fascia da smoking era necessaria anche quando si indossava una giacca monopetto e sebbene non esistessero regole specifiche per lo stile del revers, i colletti a scialle erano la norma.

Dopo sei annuncio degli anni

Dopo sei annuncio degli anni '30 che mostra una giacca da sera DB color cuoio con collo sciallato con cappello di paglia, fiore all'occhiello rosso, pochette e papillon

Colore caldo

L'accettazione delle giacche bianche aprì la strada ad altri colori nei cappotti da sera estivi e presto tonalità come prugna, verde scuro, vino e blu brillante furono indossate nei patii illuminati dalla luna di Palm Beach. Il successivo sviluppo logico sono stati gli accessori coordinati e il rosso scuro è stato la scelta preferita per papillon, fasce, orologi da calzetteria e boutonnieres. Fazzoletti da taschino erano spesso usati anche per aggiungere un tocco di eleganza, ma solo quando il fiore all'occhiello era bianco.

L'aggiunta di sottili tocchi colorati al bianco e nero estate la tavolozza ebbe un tale successo che molti di questi accessori iniziarono a migrare alla tradizionale cena scura abiti con il progredire del decennio.

Il ritorno della fascia

La ricomparsa alla fine degli anni '20 della fascia da smoking appena modificata è andata molto meglio grazie soprattutto al suo abbinamento con la famosa giacca da pasticcio. Nel 1937 The New Etiquette descriveva l'indumento come un coprivita popolare e chic per abiti da sera informali nei resort. È pensato per il caldo per ovviare alla necessità di avere l'imbracatura di un gilet sopra la spalla e la schiena quando potrebbe essere scomodamente caldo. Sulle persone giuste al momento giusto, è decorativo e correttamente nello spirito dell'allegria colorata.

Come ha accennato l'autore, la fascia da smoking potrebbe essere utilizzata per infondere l'abbigliamento formale nella stagione calda con colori e persino motivi. Molto spesso, però, la seta nera continuava ad essere d'obbligo per i rivestimenti in vita indossati con lo smoking bianco. La fascia formale plissettata potrebbe anche essere correttamente abbinata a uno smoking nero secondo l'autore del libro, ma solo quando quegli smoking erano indossati nei resort; l'accettazione dei cummerbund tutto l'anno era ancora lontana almeno un decennio.

US novembre 1938 - Cravatta nera formale con colletto ad ala a sinistra, semi formale in smoking DB blu notte e colletto con risvolto a destra di Leslie Saalburg

US novembre 1938 - Cravatta nera formale con colletto ad ala a sinistra, semi formale in smoking DB blu notte e colletto con risvolto a destra di Leslie Saalburg

Etichetta classica: Distinguere formale, semi-formale e informale

Abiti da sera formali

Paradossalmente, mentre l'abbigliamento da sera è diventato più casual, il suo protocollo è tornato indietro verso la formalità prebellica con il progredire della Depressione. Lo standard tradizionale di un cappotto con la coda e una cravatta bianca necessari per essere indossato in qualsiasi affare formale a cui partecipano le donne è vero oggi riportato nel Fort Worth Star Telegram nel settembre 1935. Gli studenti universitari delle università sono responsabili in una certa misura di sostenere nuovamente il canone di vestito corretto. I cappotti con la coda regnano ai balli e le giacche da sera non sono più 'fatte per fare'. Nel gennaio 1940 l'influenza della Ivy League era diventata così prevalente che le code hanno sostituito abbastanza bene lo smoking nella maggior parte dei luoghi di festa, ha detto Esquire.

Abiti da sera informali / semi-formali

Nel novembre 1936, Esquire istruiva i lettori che il cappotto da sera era generalmente adatto solo a bordo della nave, ai tropici, per cene a casa, feste a teatro e feste di club e addio al celibato. Questo ritorno alle restrizioni edoardiane potrebbe aver retrocesso lo status dello smoking in teoria, ma nelle pagine di Apparel Arts ed Esquire, l'ensemble è stato promosso al rango di semi-formale appena coniato. Questa categorizzazione di compromesso era appropriata considerando che il cosiddetto smoking informale era apparso regolarmente in funzioni relativamente formali dalla fine della prima guerra mondiale.

Indipendentemente dalla terminologia utilizzata, era universalmente accettato che le recenti innovazioni nella moda serale avessero creato una nuova sotto-gerarchia. In cima alla scala dello smoking c'erano la giacca monopetto molto formale, nera o blu notte, gli unici colori corretti per vestirsi in città, e la camicia con colletto alato. In fondo alla scala c'erano giacche calde, adatte solo per le estati in campagna e ai tropici. Situati da qualche parte nel mezzo c'erano la giacca doppiopetto e la camicia con colletto turndown originariamente classificati come casual ma sempre più accettabili in tutte le occasioni semi-formali grazie alla loro crescente popolarità.
Mentre le autorità britanniche di etichetta hanno riconosciuto una gerarchia simile dell'abito da sera, hanno continuato a definire l'abbigliamento da sera come un abito completo o una variante dell'abito da sera; in Inghilterra non esisteva un mezzo formale.

Londra UK moda serale 1935 cravatta nera e cravatta bianca non guanti e chapeau claque a destra e Homburg a sinistra

Londra UK moda serale 1935 cravatta nera e cravatta bianca non guanti e chapeau claque a destra e Homburg a sinistra

Un codice bianco e nero

In mezzo alla continua confusione di cosa fosse esattamente formale in questa era moderna - alcune fonti americane stavano persino iniziando a usarlo come termine generico per tutti gli abiti da sera - sorse una designazione più colloquiale per il frac e lo smoking. Concentrandosi sulle ovvie differenze fisiche degli abiti, White Tie e Black Tie hanno aggirato il gioco formale di indovinelli e gradualmente sono diventati parte del vocabolario comune.

Tramonto d'oro: la fine di un'era

Alla fine degli anni '30, lo smoking aveva raggiunto il suo apice sia in termini di popolarità che di stile. Come riassume Alan Flusser in Style and the Man:

Nessun'altra epoca avrebbe potuto produrre un tale successo sartoriale. Ogni fase dell'evoluzione dello smoking è stata misurata dalla perfezione dell'outfit esso destinato a sostituire – il nonno dell'eleganza maschile, il frac, e cravatta bianca. . . Il nuovo smoking proiettava un livello di statura e classe pari a quello del suo capostipite inamidato, sebbene fornisse un comfort notevolmente maggiore.

Proprio come la guerra precedente aveva posto fine alla preminenza del frac, così anche la seconda guerra mondiale avrebbe chiuso l'età d'oro dello smoking. Sebbene le innovazioni stilistiche dello smoking sarebbero sopravvissute in sicurezza al conflitto che ne sarebbe seguito, il suo status di abbigliamento da sera standard si sarebbe continuamente eroso nel mondo sempre più informale emerso dopo il 1945.


Dopo sei annunci di abbigliamento da sera Rudofker - 1937

Dopo sei annunci di abiti da sera Rudofker - 1937

Fatti formali e icone di stile

Fatti formali: Tuxedo Rentals diventa popolare

Noleggio abbigliamento (abbigliamento assumere nel Regno Unito) ha reso l'abbigliamento formale molto più accessibile alla persona media ed è diventato un'industria multimilionaria nel processo. L'azienda presente in questo annuncio delle pagine gialle di Toronto del 1937 era in attività dal 1918 e ora è una catena nazionale nota come Freeman Formal wear.

Edward ha reso popolare il morbido colletto con risvolto per la cravatta nera. qui indossa uno smoking con collo a scialle con rivestimento in seta gros-grain, fiore all

Edward ha reso popolare il morbido colletto con risvolto per la cravatta nera. qui indossa uno smoking con collo a scialle con rivestimento in seta gros-grain, fiore all'occhiello di garofano e papillon nero annodato liberamente

Principe di Galles, re Edoardo VIII, duca di Windsor

Il principe di Galles divenne re Edoardo VIII nel gennaio 1936. Tuttavia, abdicò al trono solo undici mesi dopo per sposare la divorziata americana Wallis Simpson. Nel 1937 ricevette il titolo a cui è più comunemente associato: Duca di Windsor.

Come grande sostenitore dell'outfit più casual in cravatta nera, è noto per avere splendidi ensemble da sera.

Icone di stile: Fred Astaire

Il premuroso Fred Astaire in cravatta bianca

Il premuroso Fred Astaire in cravatta bianca

Fred Astaire non era solo una star dei musical di Hollywood, ma anche un impeccabile comò. I suoi soprabiti personalizzati erano così ben fatti da rimanere perfettamente posizionati durante le più esuberanti routine di ballo. Uno dei suoi film più popolari è stato nel grande successo del 1935 Cappello a cilindro che comprendeva la canzone di Irving Berlin Top Hat, White Tie and Tails

Fatti formali Matrimoni serali

1937 Matrimonio nel New Jersey

1937 Matrimonio nel New Jersey

Sebbene sconosciuti a New York, i matrimoni serali erano di moda in altre città degli Stati Uniti. Le autorità di etichetta hanno continuato a imporre l'abbigliamento completo ma Scudiero articoli e foto d'epoca rivelano una crescente accettazione dello smoking. Vedere Matrimoni serali d'epoca per dettagli.

Fatti formali: ballo di fine anno

Junior Prom 1937 in cravatta bianca e cravatta nera

Junior Prom 1937 in cravatta bianca e cravatta nera

Il ballo di fine anno del liceo americano discendeva dai cotillions del college e dai balli delle debuttanti della società negli anni '20 e divenne molto popolare negli anni '30. Questi rituali per trasformare gli adolescenti in cittadini rispettabili includevano il commercio di abiti giovanili con abiti da sera per adulti.

Apparel Arts Cover del giugno 1957: il sottotitolo sarebbe presto diventato il nome della rivista stessa GQ

Apparel Arts Cover del giugno 1957: il sottotitolo sarebbe presto diventato il nome della rivista stessa GQ

Fatti formali: Apparel Arts, Esquire, Herrenjournal...

Le riviste di moda maschile e i periodici di sartoria contenevano molte foto e illustrazioni. Negli Stati Uniti, Abbigliamento Arti era una pubblicazione per acquirenti all'ingrosso di abbigliamento e merceria che debuttò nel 1931 e fu pubblicata inizialmente due volte l'anno, e poi una volta al trimestre. Era così popolare tra i clienti dei rivenditori che gli editori lo lanciarono Scudiero nel 1933 come equivalente maschile di Voga con immagini della sua pubblicazione principale.

Entrambi sono stati promossi dallo stesso editore, quindi sei mesi prima che le ultime mode venissero viste su Esquire, sarebbero apparse su Apparel Arts. In questo modo, un uomo interessato alla moda potrebbe andare al negozio locale e acquistare l'ultima moda. Nel 1957, la rivista passò da Apparel Arts a Gentleman's Quarterly, ora orientata al consumatore e chiamata GQ.

1931 - Herrenjournal Cover - Nota l

1931 – Herrenjournal Cover – Notare l'insieme di frac con cravatta bianca blu notte sulla destra con una catena di orologi e un gilet BB a 2 bottoni

Insieme alla rivista di sartoria Abbigliamento da uomo, queste sono le principali risorse per la moda maschile americana degli anni '30.

In Europa c'erano numerose altre riviste di abbigliamento maschile come il diario maschile in Germania, e che promuoveva lo stile maschile classico.

Fatti formali: cravatta nera vintage per il tempo caldo

Gli smoking Off-White hanno le loro origini nell

Gli smoking Off-White hanno le loro origini nell'abbigliamento indossato per le crociere e nei resort tropicali.

Per molto di più sugli abiti da smoking e smoking bianco degli anni '30 e '40, vedere il Cravatta nera vintage per il tempo caldo pagina.

Diplomazia formale

John F. Kennedy e il fratello Joe Jr.

John F. Kennedy e il fratello Joe Jr. a una festa diplomatica londinese ospitata dal padre nel 1938.

In molti paesi, White Tie è la versione del 20° secolo delle ornate uniformi diplomatiche indossate dagli ambasciatori e dal loro personale in occasioni pubbliche dal 1800 circa e modellate sull'abito della corte europea.

Esplora questo capitolo: 3 Storia di cravatta nera e smoking

  1. 3.1 Regency Origins of Black Tie - 1800
  2. 3.2 Regency Evolution (1800 - '30) - Frac colorato e cravatta
  3. 3.3 Abbigliamento maschile del primo periodo vittoriano: il nero domina tra il 1840 e il 1880
  4. 3.4 Debutto in smoking tardo vittoriano - 1880
  5. 3.5 Abito da sera completo e informale 1890
  6. 3.6 Smoking edoardiano e cravatta nera - 1900 - 1910
  7. 3.7 Smoking dell'età del jazz -1920
  8. 3.8 Cravatta nera dell'era della depressione: l'età d'oro degli smoking degli anni '30
  9. 3.9 Smoking del dopoguerra e cravatta nera - Fine anni '40 - Inizio anni '50
  10. 3.10 Smoking dell'era del jet - Fine anni '50 - '60
  11. 3.11 Smoking da cravatta nera controcultura anni '60 - '70
  12. 3.12 Tuxedo Rebirth – Gli anni Yuppie – Anni '70
  13. 3.13 Tuxedo Redux - Gli anni '80 e '90
  14. 3.14 Cravatta nera dell'era millenaria - Anni '90 - 2000
  15. 3.15 Smoking negli anni 2010
  16. 3.16 Futuro di smoking e cravatta nera